Fratoianni: “Ogni giorno che passa aumenta l’orrore a Gaza”

israele



Ogni giorno che passa aumenta l’orrore a Gaza. Netanyahu ieri ha chiarito che non si fermerà di fronte a nulla.
Né per le pressioni internazionali, né per rispettare diritti umani o trattati internazionali.
Si è aperto un dibattito sull’appropriatezza del termine “Genocidio” per descrivere quello che sta accadendo. Chiamatelo come volete. Di certo siamo davanti ad una strage continua e vergognosa.
Ma quando il diritto Internazionale non vale più, quando si accumulano decine di risoluzioni di ONU e di altri osservatori senza che ci siano segnali concreti di cambiamento, che si fa?

Lo chiedo anche ai capi di Stato europei, riuniti a Bruxelles

Due anni fa, di fronte alla brutale aggressione di Putin all’Ucraina, si scelse la strada delle sanzioni e dell’interruzione dei rapporti commerciali ed economici con la Russia.
Oggi il governo di Netanyahu pare godere di sostanziale impunità e, al di là di appelli alla moderazione sempre più retorici, affari e relazioni continuano come nulla fosse.
La conta dei bambini morti a Gaza alimenta ogni giorno una statistica macabra.
Arriverà il tempo dei verdetti della corte penale internazionale sui crimini di guerra.
Intanto, mentre il nostro Governo si astiene per la seconda volta sulla risoluzione che chiede il cessate il fuoco, la mattanza continua.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Fratoianni: "Ogni giorno che passa aumenta l’orrore a Gaza"

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 27832 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.