Lezzi: “Il DEF draghiano”

migliori



Fatevi l’applauso, leader di maggioranza, i vostri ministri hanno assolto al compito di ubbidire supinamente e senza proferire parola a Draghi che ha scritto il DEF con la sua consueta determinazione riservando agli italiani lacrime e sangue ovvero tagli e maggiori entrate per le casse dello Stato.

Vittime evidenti

La sanità e l’istruzione sono le vittime più evidenti dell’accetta draghiana ma, cari leader, vi basterà leggere poche pagine del Documento per evincere che non saranno le sole voci ad essere sacrificate perché l’evoluzione in discesa del debito indicata da Draghi e i suoi non lascia scampo su quanto saranno difficili i prossimi anni. Suggerisco ai leader la lettura almeno delle pagine 102 e 115.
Mentre fingete di accapigliarvi sul catasto e mentre millantate interesse per le famiglie e imprese che non riescono a pagare le bollette, votate in silenzio ancora una volta la compliance che porterà maggiori introiti al bilancio statale per ulteriori 12 miliardi l’anno. Questi soldi si andranno a pescare sempre tra i piccoli professionisti, imprenditori e artigiani.

Sempre i soliti

Ipocriti! Non avete altro interesse che quello di inseguire poltrone e incarichi. Non avete nessun ritegno nel dire una cosa e farne esattamente un’altra.
Draghiani, Giorgettiani, Salviniani, Contiani, Dimaiani, Bersaniani, Lettiani, Renziani e Berlusconiani sempre pronti a dire sempre e solo sì a Draghi magari in cambio di una supercazzola che vi faccia apparire vincenti. Tanto poi si potrà negare tutto, si potrà dire di non essere stati d’accordo, si potrà dire la qualunque scaricando la realtà su qualcun altro. D’altronde a pagare i conti salati della vostra mediocrità saranno gli italiani.

var url261908 = “https://vid1aws.smiling.video//SmilingVideoResponder/AutoSnippet?idUser=1149&evid=261908”;
var snippet261908 = httpGetSync(url261908);
document.write(snippet261908);

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 23705 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.