Atletico Madrid, Lilla, City: quali sono le difese più forti d’Europa

Calcio



La miglior difesa è l’attacco. O forse viceversa, considerando le situazioni delle classifiche dei principali campionati europei. Già, perché per vincere tra i propri confini nazionali non serve necessariamente segnare più degli altri. Anche subire di meno si rivela molto utile e Inter e Manchester City ne sanno qualcosa quest’anno. Quello arretrato è un reparto spesso bistrattato nell’idea calcistica. D’altro canto, sul mercato centinaia di milioni di Euro volano via ogni anno solo ed esclusivamente per gli attaccanti. Alcuni allenatori basano la propria filosofia di gioco solo sulle proiezioni offensive. Difendere, però, può valere esattamente quanto segnare.

Il Bayern Monaco ha sempre cercato di tenere coperti i pali mentre si fionda all’attacco. Tuttavia, nell’arco di questa stagione anche i tedeschi hanno conosciuto qualche defaillance e la loro difesa è ben lontana dall’essere la migliore della Bundesliga. Una quarantina di gol al passivo sono sinceramente troppi per Neuer & co. Formazioni molto meno quotate sono state più abili nel difendersi. A furia di segnare, però, il Bayern è riuscito a conservare il proprio primato in terra teutonica. Chissà che a questo punto non riveda comunque qualche particolare tattico in vista della prossima stagione, considerando anche che i campioni di Germania subiranno un cambio di guida tecnica.

La squadra difensivista per eccellenza, però, è l’Atletico Madrid. Solo grazie a una retroguardia d’acciaio, ormai caratteristica per tradizione, i “colchoneros” sono riusciti negli anni a configurarsi a spina nel fianco per le solite big spagnole come Real Madrid e Barcellona. Quest’anno l’Atletico ha subito poco più di 20 gol in campionato ed è riuscito persino a segnare più del Real. La contesa per la conquista della Liga è ancora aperta. Anche il Siviglia si è inserito nella lotta al vertice e alla fine potrebbe essere proprio il dato dei gol incassati a fare la differenza.

In Inghilterra, invece, è stato il succitato Manchester City a distinguersi sotto questo punto di vista. La distanza di punti con il Manchester United secondo in graduatoria è notevole, ma è soprattutto la differenza nelle statistiche a saltare all’occhio. I ragazzi di Guardiola hanno subito meno di 30 gol in più di 30 partite. E pensare che Pep fu l’iniziatore del “tiki-taka” negli anni del Barcellona, dando vita a una concezione di gioco ancora oggi ricercata in giro per il mondo. Uno stile che forse, in realtà, ha già fatto il suo tempo.

Anche in Francia c’è chi sta dicendo la sua grazie alla difesa. Il Lilla sta dando filo da torcere al Paris Saint-Germain e pur avendo segnato molti gol in meno rispetto allo squadrone di Pochettino è in lizza per la vittoria della Ligue 1. E L’Italia? Nelle ultime settimane, in particolare, l’Inter ha subito pochissime reti e ha legittimato il suo primato in classifica anche per mezzo di alcune vittorie con il risultato secco di 1-0. Chissà che prima o poi il palinsesto delle scommesse sul web non tenga conto anche delle migliori difese d’Europa tra i vari pronostici sui quali poter dire la propria. Sarebbe ingiusto, però, nominare semplicemente qualche difensore per elogiare la retroguardia di una squadra. A partecipare alla fase difensiva delle formazioni più importanti sono tutti i giocatori.


Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.