Super League e calcio malato: la morale è sempre doppia quando non c’è…

calcio



Il naufragio della Super League è solo l’ultimo atto di un calcio che è sempre più malato e sempre meno sport.

Senza entrare nel merito del nuovo formato proposto dai 12 team “dissidenti” mi limito ad evidenziare i muggiti di quei buoi che chiamano cornuti gli asini.

La doppia morale di personaggi squallidi che hanno ammazzato il calcio la trovo ancora più offensiva nonché insopportabile dell’idea di chi vuol creare una élite non meritocratica nello sport più amato.

Oceani di letame

D’improvviso gli squali che sguazzano in oceani di letame composto da commissioni monstre, ingaggi indecorosi, bilanci taroccati e plusvalenze fittizie si scoprono vergini vedove del calcio romantico.

L’indignazione di questi novelli martiri del calcio popolare dov’era e dov’è di fronte allo scialacquamento di denaro e ai maquillage di bilancio?

Come qualcuno ha fatto notare, il calcio ha smesso d’essere tale quando si fa passare per normale che il procuratore di un giocatore ventiduenne pretenda 12 milioni di ingaggio dalla squadra che ha creduto in lui quando aveva 16 anni, in un sistema dove i giovani sono penalizzati.

Il pallone ha smesso di rotolare quando il capitalismo finanziario è entrato a gamba tesa e fa credere che le plusvalenze siano i trucchi dei furbi e non un’offesa a coloro che hanno una gestione sana delle società.

Meno tasse

Nessuno si indigna quando si preferisce prendere dei calciatori stranieri non perché più bravi ma semplicemente perché hanno una tassazione ridotta?

Chi parla di conflitto di interessi della Super League, perché tace di fronte alle sponsorizzazioni di banche e assicurazioni alla Uefa Champions League e alla classe arbitrale italiana?

Ipocriti silenziosi quando il Guardian ha pubblicato un’inchiesta secondo la quale in Qatar, il paese che ospiterà la Coppa del Mondo l’anno prossimo, sono morti 6.500 operai per i mondiali; una media di 12 lavoratori migranti a settimana dal dicembre 2010. Avete, per caso, letto critiche o lamentele in merito?

Chiedo agli indignados in salsa romantica quanti capelli si sono strappati quando le finali della Super Coppa Italiana si sono disputate a Pechino, a Gedda o a Riad? Cos’è, in quelle occasioni i tifosi italiani non avevano diritto a seguire dal vivo le loro squadre?

Doppiezza che ignora che da sempre le squadre più ricche comandano e che risulta alquanto difficile se non impossibile vedere una squadra come il Benevento vincere la Champions League.

Bilanci gonfiati

Farisei che appoggiano le parole del capo di quell’associazione che permette agli emiri di gonfiare i bilanci con plusvalenze create ad hoc e sponsorizzazioni fittizie, di prendere giocatori in prestito con diritto di riscatto a 180 milioni, mentre i club che non hanno un certo status vengono esclusi e fatti fuori perché non riescono a rispettare il pareggio di bilancio imposto dal finto fair play finanziario.

Il massimo, poi, lo raggiungono quei giocatori che dall’alto dei loro 18,5 milioni di euro netti all’anno, cantano una serenata romantica al bel calcio.

Per capire cosa è diventato oggi il calcio, un giocatore italiano della Serie A, per il solo fatto di aver realizzato 10 goal, la società che ne detiene il cartellino chiede solo 40 milioni.

La morale è sempre doppia quando non c’è…

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 22048 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.