Roma, Bordoni: “Parcheggio Via Chiana dimostra come si sprecano soldi dei romani”

Ostia Davie Bordoni



Il consigliere capitolino della Lega-Salvini Premier, Davide Bordoni, parla della protratta chiusura del parcheggio di Via Chiana nel Municipio II, raccogliendo le proteste e il disagio dei residenti e commercianti del quartiere.

Le dichiarazioni di Bordoni

“Dal dicembre del 2017 serrande ancora abbassate per il noto parcheggio del Municipio II, un garage multi livello interrato a tre piani di proprietà del Comune, gestito da ATAC, dotato di 450 posti auto utilizzato dai residenti abbonati oppure come posteggio ad ore da chi transitava in zona per fare acquisti e commissioni nello storico mercato Trieste.

Il parcheggio era uno dei punti di riferimento della zona adiacente al mercato Trieste, la mancata riapertura della struttura, con l’approssimarsi delle festività natalizie, – prosegue Bordoni – costituisce per gli operatori e le attività un ostacolo alla ripartenza dell’economia duramente messa alla prova dal Covid. Ho presentato una interrogazione per conoscere modalità e termini per un intervento urgente di riapertura del parcheggio.

Penso che uno spazio del genere in una città nella quale non c’è viabilità, non ci sono parcheggi, non possa rimanere chiuso per 3 anni. Penso che il minimo sia utilizzare quest’area: si potrebbe dare, per esempio, in gestione a un privato in cambio della messa a norma e del pagamento degli oneri concessori all’amministrazione comunale.

È la cosa più semplice che mi viene in mente: restituire ai cittadini un servizio senza che sia il comune, e quindi i cittadini, a dover sborsare altri soldi perché attualmente, a seguito del progressivo deterioramento, lo stato della struttura sembra essere in condizioni peggiori di quando è stato chiuso.”

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.