Coronavirus, anche per Castelnuovo di Farfa è il momento della solidarietà

Coronavirus



In molti comuni della Sabina, dopo un primo legittimo sbandamento che ha prodotto finalmente la convinzione che restare a casa è l’unica alternativa intelligente, ha avuto inizio una vera e propria gara di solidarietà. I Sabini dunque restano a casa, ma non dimenticano chi ha bisogno, che, peraltro, spesso abita nella casa accanto.

Servizio della Spesa a domicilio

L’Amministrazione comunale di Castelnuovo di Farfa e il Centro Anziani, aiutati da giovani volontari, hanno dato vita, come ha già fatto il vicino comune di Poggio Nativo, al “Servizio della Spesa a domicilio”, che offre agli anzianissimi, ai disabili e a chiunque ne abbia realmente bisogno il trasporto dei generi di prima necessità e dei farmaci dai negozi a casa.

Altre iniziative simili stanno partendo dalle istituzioni e da volontari in tutta la provincia di Rieti: il volontariato può essere un vaccino. Si cerca in questo difficile momento di non dimenticare chi ha bisogno e di non lasciare indietro nessuno.

I volontari del Centro Anziani “Luigi Cianni” di Castelnuovo di Farfa in queste ore stanno chiamando le persone del paese che vivono da sole, o sono inferme, o sono molto anziane, e invitano tutti a fare una telefonata al vicino per chiedergli come sta e come sta vivendo questo difficile momento. Restiamo a casa ma non dimentichiamo i concittadini più deboli e sfortunati. Avete provato ad immaginare come una persona che è sola sta vivendo questi giorni?

Alcuni sacerdoti, utilizzando audiovisivi e social, stanno moltiplicando i loro interventi per portare nelle case una parola di conforto e non far mancare ai fedeli la celebrazione della Messa domenicale, come avviene per esempio nell’Unità pastorale di Castelnuovo di Farfa, Poggio Nativo e Frasso.

Il periodo di emergenza che stiamo vivendo, e che ci auguriamo possa terminare presto, ci lascerà dolore, privazioni e una rilevante crisi economica, ma potrà anche diventare una formidabile opportunità per migliorarci, rimettendo al centro i bisogni e i valori della PERSONA. A chi ci governa speriamo che questa emergenza mondiale insegni che investire nella sanità e nella ricerca scientifica permette di risparmiare miliardi di euro, quelli che oggi stiamo spendendo.  

Non vi è dubbio che usciremo tutti profondamente cambiati da questo periodo così difficile che ci sta toccando nel profondo, ma speriamo che, in attesa di capire i legami tra pandemia e cambiamenti ambientali prodotti nell’ultimo secolo, ne usciremo più umani, più consapevoli, più responsabili, più solidali e meno propensi a firmare cambiali in bianco a chi sta portando il nostro pianeta verso il collasso.

di Giuseppe Manzo

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.