Fusione FCA-PSA. Consumatori a rischio, secondo il Codacons



La fusione tra Fca e Psa rischia di avere ripercussioni negative per i consumatori, in quei settori auto nei quali le due società hanno finora operato in piena concorrenza. Lo afferma il Codacons, che invita l’Antitrust e le autorità europee a vigilare con la massima attenzione sull’operazione.

FCA E PSA MASSIMA ATTENZIONE SULLA FUSIONE

“Fca e Psa si sono finora date battaglia sul mercato europeo delle auto nel segmento delle utilitarie e delle vetture di piccole dimensioni, comparto nel quale le due società, attraverso i vari marchi, operano in una situazione di concorrenza diretta – spiega il presidente Carlo Rienzi – Ciò ha portato vantaggi per i consumatori, attraverso una sfida commerciale per conquistare fette di mercato basata su offerte, promozioni e modelli di automobili sempre più competitivi”.

OPERAZIONE RIDURREBBE CONCORRENZA NEL COMPARTO DELLE UTILITARIE CON CONSEGUENTE RIALZO DEI LISTINI. ANTITRUST E UE VIGILINO SU FUSIONE

“La fusione tra i due gruppi rischia ora di annullare tale concorrenza, perché una sovrapposizione produttiva per utilitarie e piccole auto non sarebbe certo redditizia – prosegue Rienzi – I consumatori italiani ed europei rischiano così di ritrovarsi con una minore offerta sul mercato e con prezzi di listino maggiorati per quelle auto finora prodotte da Fca e Psa in regime di piena concorrenza. Per tale motivo Antitrust e Ue devono vigilare con la massima attenzione sull’operazione, per evitare che a rimetterci siano i consumatori di tutta Europa” – conclude il presidente Codacons.

 

Codacons Comunicati Stampa

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.