La Domenica Metropolitana di Firenze

san giovanni



Ingresso, visite guidate e attività educative gratuite nei Musei Civici Fiorentini per i residenti nella città metropolitana di Firenze
La Domenica Metropolitana di novembre, come ogni prima domenica del mese, offre la possibilità di entrare gratuitamente e di poter usufruire di visite guidate e laboratori per bambini e famiglie, nei  Musei Civici Fiorentini.

L’iniziativa è rivolta ai  residenti nella città metropolitana di Firenze

Ecco cosa è possibile visitare questa domenica:

Memoriale di Auschwitz, la mostra La botanica di Leonardo. Per una nuova scienza fra arte e natura in Santa Maria Novella (ingresso da piazza Stazione, 4) e la mostra Solo. Mirko Basaldella al Museo Novecento.

Nell’ambito delle iniziative promosse per il cinquecentenario della nascita di Cosimo e Caterina de’ Medici, si segnala inoltre la conferenza Apparati di festa, scenografie e festeggiamenti nelle residenze ducali a cura di Marion Gizard e Giaele Monaci.

Per le famiglie con bambini sono in programma le attività Favola della tartaruga con la vela, Vita di corte e In bottega, dipingere in fresco in Palazzo Vecchio e il percorso animato Re Salomone racconta al Museo Novecento.

Percorsi guidati

Percorsi guidati nel centro storico alla scoperta dei monumenti e delle tracce della Grande Guerra di cui il 4 novembre ricorre la fine del conflitto e dei suoi protagonisti. L’itinerario prenderà avvio da Palazzo Vecchio per snodarsi nel centro cittadino e concludersi infatti a Santa Croce, cuore della memoria dei caduti fiorentini. Se per le vie della città i partecipanti potranno osservare targhe, sculture e monumenti sorti a memoria  per concludersi in Santa Croce, luogo-simbolo della memoria dei caduti. Prenotazione obbligatoria (Tel 055-2768224 Mail info@muse.comune.fi.it)

Anche la Fondazione Palazzo Strozzi aderisce alla Domenica Metropolitana con la visita conversazione alla mostra Natalia Goncharova. Una donna e le avanguardie tra Gauguin, Matisse e Picasso, durante la quale i partecipanti saranno accompagnati in un percorso che approfondisce la storia di questa artista anticonformista e le sue opere, caratterizzate da una pluralità di stili diversi

Si segnalano inoltre la visita al Museo della Misericordia alle h15.30 (Piazza Duomo 19, prenotazione obbligatoria, tel. 055-2393917) e l’accesso gratuito al Museo Zeffirelli – Centro internazionale per le Arti dello Spettacolo dalle ore 10 alle ore 18 (Piazza San Firenze 5, non è necessaria la prenotazione).

Da ricordare

Si ricorda che tutte le visite guidate e le attività nei Musei Civici Fiorentini e in Palazzo Medici Riccardi sono gratuite per i cittadini residenti nella Città Metropolitana di Firenze e che la prenotazione è obbligatoria. All’atto della prenotazione è possibile riservare un solo appuntamento nel corso della giornata per un massimo di 5 persone

Senza prenotazione sono gli accessi* a: Museo di Palazzo Vecchio (orario 9./19), Torre di Arnolfo** (orario 10/17, 30 persone ogni mezz’ora, ultimo accesso ore 16.30), Santa Maria Novella (orario 13/17.30), Museo Stefano Bardini (orario 11/17), Fondazione Salvatore Romano (orario 13/17), Museo Novecento (orario 11/19), Cappella Brancacci in Santa Maria del Carmine (orario 13/17, 30 persone ogni mezz’ora, ultimo accesso ore 16.15), Museo del Ciclismo Gino Bartali (orario 10/16), Palazzo Medici Riccardi (orario 9/19).

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 19581 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.