Maccarese, sospesa la licenza ad uno stabilimento dopo la rissa del primo maggio

polizia roma



Ha condotto alla sospensione della licenza per 3 giorni l’attività svolta dagli agenti della Polizia di Stato della Questura di Roma, in seguito a quanto accaduto lo scorso 1° maggio, presso uno stabilimento balneare di Maccarese, teatro di risse ed aggressioni, dove la più grave ha visto come protagonista un giovane armato di coltello, durante un’ evento aperto al pubblico, organizzato dal titolar, ampiamente pubblicizzato sui “social media”.

I fatti

Nella serata del 1 maggio scorso gli agenti del Reparto Volanti erano intervenuti presso lo stabilimento, in quanto era stata segnalata la presenza di un uomo, in escandescenza, che stava danneggiando alcune autovetture nel parcheggio della struttura.

I poliziotti avevano identificato tre persone le quali riferivano che, dopo essere usciti
dallo stabilimento, nel dirigersi verso la propria autovettura, erano stati aggrediti da
quattro individui, senza alcun motivo, riportando delle ferite lievi, medicate subito
dal personale sanitario intervenuto.

Al termine dell’intervento gli agenti venivano poi allertati da alcuni giovani, avventori
dello stabilimento, che riferivano di un’ulteriore lite in atto all’interno del locale, con
la presenza di una persona armata di coltello.

I poliziotti riuscivano ad individuare e a bloccare la persona segnalata che, sottoposta a
perquisizione personale, veniva trovata in possesso di un coltello a serramanico e,
quindi, deferita all’Autorità Giudiziaria.

Le persone coinvolte

Nella circostanza il personale della Polizia di Stato, identificava, presso l’Aurelia Hospital, tre
persone, coinvolte nei fatti di cui sopra, che riferivano di essere state aggredite, poco prima,
all’interno dello stabilimento in questione, riportando ferite da arma da taglio e ricevendo
rispettivamente una prognosi   di gg. 30, gg.15 e gg.8;

Il locale, pertanto, è stato chiuso per tre giorni, con provvedimento del Questore di Roma,
nella mattinata odierna, in base all’art. 100 del TULPS, in quanto ritenuto pericoloso per
l’ordine e la sicurezza pubblica.

Il titolare, non nuovo ad episodi del genere, era stato, in precedenza, già sanzionato per
l’apertura abusiva di un luogo di pubblico spettacolo e trattenimento per aver organizzato,
nel luglio dello scorso anno, analoghi eventi di pubblico spettacolo senza le necessarie
autorizzazioni.

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.