CUP, Assotutela: “Sospesa solidarietà ai lavoratori dopo la denuncia dei Cobas”

“Apprendiamo con sommo disappunto che per via della denuncia dei Cobas gli amministratori giudiziari hanno costretto a sospendere la solidarietà che fino a settembre 2017 tutelava i lavoratori del Cup da eventuali licenziamenti. Siamo sbalorditi e contrariati che per un 5% del totale siano state messe in discussione le sorti di 1700 lavoratori. Da gennaio 2017 a giugno 2017 a causa della sospensione della solidarietà e l’apertura della procedura di mobilità (poi culminata con la Fis fatta nello stesso e identico modo della solidarietà) i lavoratori devono recuperare 6mila ore.




Cosa significa: che le ore sono state pagate regolarmente in questi mesi pur non facendole totalmente. Mi spiego meglio: se un lavoratore aveva 38 ore da contratto ma ne faceva 30 a settimana, gli pagavano 38 ore ma in realtà le mettevano a recupero 24. Ora un costo enorme per la cooperativa che si trova 6mila ore pagate ma non fatte e da far recuperare in qualche modo oppure rientrare di queste perdite. In sostanza, gli amici dei Cobas hanno fatto una azione che ha portato perdita per la cooperativa con la conseguenza che saranno i soci lavoratori a pagare. E’ stata fatta una Fis che non risolve i problemi ma, più semplicemente, li posticipa. E questi signori vorrebbero rappresentare e garantire i diritti dei lavoratori? Come se non bastasse aver messo in ginocchio la cooperativa, ora stanno pure annunciando lotte di una internalizzazione che, purtroppo, sarà impossibile realizzare anche a causa della grave crisi del comparto sanitario regionale, guidato dal presidente Zingaretti.

E lo fanno con la complicità del Movimento 5 Stelle, che sembra avallare tale tesi. Alla luce di tutto questo, mi chiedo: perché non stanno internalizzando i servizi esternalizzati nel Comune di Roma?”.

Così, in una nota, il presidente dell’associazione Assotutela, Michel Maritato.