Collot, PaP: “Dalla parte dei sindacati che lottano contro i licenziamenti”

bologna



Abbiamo ricevuto volentieri diverse domande, proposte, appelli, dai sindacati di base. Vogliamo tenere unite le questioni nel percorso che va verso lo sciopero generale unitario dell’11 ottobre, che sosteniamo fortemente come momento che senza paure e compromessi sappia rimettere al centro il conflitto di classe e l’opposizione al governo Draghi, ovvero il governo dell’alleanza PD-Lega-M5S, il governo dello sblocco dei licenziamenti e degli sfratti, il governo che viene applaudito da Confindustria durante le durissime vertenze di Alitalia, GKN, Whirlpool, Gianetti Ruote, e sul territorio bolognese, i recenti casi di Logista e Nexive in cui stanno dando battaglia i SI Cobas Bologna … e l’elenco sarebbe ancora lungo.

Percorso

Questo percorso ci ha visto a fianco del Collettivo Di Fabbrica – Lavoratori Gkn Firenze in visita sulla via Emilia, così come abbiamo sostenuto lo sciopero dei trasporti del 17 settembre. E continueremo a dare voce alle istanze dei lavoratori portando avanti i giornalieri punti informativi sparsi in tutta la città.
Per questo sosteniamo il referendum fra i dipendenti del comune di Bologna, sulla democrazia sindacale indetto da Sindacato Generale di Base Bologna che denuncia che alle organizzazioni sindacali rappresentano il 43% dei voti espressi dai dipendenti comunali, nega i tavoli di trattativa, oltre al diritto all’assemblea retribuita e le convocazioni ad importanti trattative riguardante le condizioni lavorative e la qualità dei servizi. Questo è il vero volto della “città più progressista d’Italia”, ed è per noi inaccettabile.
Voterò anch’io, anche se solo simbolicamente, SÌ al quesito referendario: “Vuoi che nel Comune di Bologna le organizzazioni sindacali presenti abbiano pari diritti, garantendo a tutti di INDIRE ASSEMBLEE DEI LAVORATORI IN ORARIO DI LAVORO e DI ESSERE

PRESENTI AD OGNI TAVOLO DI TRATTATIVA E DI CONFRONTO con la controparte?”

“Democrazia e partecipazione” è anche il primo dei punti posti da USB Bologna sulle elezioni amministrative e il futuro della città, oltre a “Lavoro, precarietà, privatizzazioni” e “Welfare, qualità di vita e territorio”. Punti che parlano dei diritti delle lavoratrici e dei lavoratori, così come parlano a tutta la cittadinanza: la necessità del rispetto dei referendum, la lotta per le reinternalizzazioni dei servizi pubblici, l’opposizione alle grandi opere inutili e inquinanti e il diritto per tutte e tutti a casa, lavoro, reddito, dignità.
Le elezioni passano, le lotte restano. Continuiamo dopo il 3-4, verso lo sciopero generale dell’11 ottobre!

var url201519 = “https://vid1aws.smiling.video//SmilingVideoResponder/AutoSnippet?idUser=1149&evid=201519”;
var snippet201519 = httpGetSync(url201519);
document.write(snippet201519);

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 23705 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.