Vesuvio, De Magistris: “Non consentiamo più a nessuno di violentarci !”

Chi commette un omicidio in un attimo distrugge la vita di un persona. La cancella, in un momento. Chi incendia un bosco, una foresta, una montagna distrugge in pochi giorni quello che uomo e natura hanno realizzato per decenni, per secoli in alcuni casi. Esseri umani portatori di morte. Gli incendi di queste ore, di questi anni, stanno distruggendo i nostri paesaggi, la nostra bellezza, la nostra vita. L’incendio sul Vesuvio è un attentato alla nostra terra. Non può rimanere senza colpevoli. I responsabili devono avere pena esemplare. Manca profondamente il senso della vita. Solo l’amore e la difesa della natura, l’amore e la difesa dei beni comuni, l’amore della vita e per le persone, danno un senso alla nostra esistenza. Altrimenti non ci possono essere gioia e felicità. È necessaria la rivoluzione delle coscienze per arrivare al cambiamento. La nostra stessa esistenza come pianeta è in pericolo. Come si fa a non amare e rispettare la bellezza del creato, come si fa a sopravvivere nell’egoismo, nell’indifferenza, nel male. Si deve lottare in modo forte e determinato e trovare unità e coesione tra i popoli. Certe volte sembra di stare in guerra. Nei miei, nei nostri occhi rimarrà per sempre il Vesuvio attraversato dal fuoco per dolo di alcuni e per colpa di molti. Una immagine che non meritavamo noi tutti che amiamo all’infinito la nostra terra. Terra mia diceva Pino, terra nostra. Difendiamola, ricostruiamola, rendiamola sempre più bella. Noi vinceremo questa guerra, ma dobbiamo volerlo in tanti. Non consentiamo più a nessuno di violentarci !

I video del giorno

Alfredo Di Costanzo
Informazioni su Alfredo Di Costanzo 9382 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.