Aiutiamoli a casa loro è di ipersinistra, è diverso se detto dalla Lega o CasaPound. A Dirlo Stefano Esposito

Stefano Esposito, senatore del Partito Democratico, è intervenuto ai microfoni di ECG, il programma condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio su Radio Cusano Campus, l’emittente dell’Università degli Studi Niccolò Cusano.




Esposito ha parlato del ddl Fiano: “Non capisco perché faccia tanto scalpore. Questo è il vero limite di un Paese senza memoria. E’ incredibile che l’Italia riesca a dividersi su una cosa che dovrebbe essere di buonsenso comune. Tutti quelli che scimmiottano o pensano di emulare quanto accaduto in un’epoca tragica per questo Paese vanno puniti e repressi quando si supera un certo limite. La nostra democrazia è figlia di una guerra, la Liberazione ha visto un pezzo di Paese prendere le armi per liberarsi dal nazifascismo. La democrazia va difesa. altrimenti è un giardino che rischia di seccarsi. Non è tutto possibile in una democrazia, ci sono limiti che non si possono superare”.

Sulla frase di Renzi ‘aiutiamoli a casa loro’ Stefano Esposito la pensa così: “Criticare è facile, soprattutto per chi non fa mai nulla. Di sicuro c’è stata una cattiva gestione della comunicazione negli ultimi tempi, mi pare che Renzi lo abbia capito. E’ di iper sinistra cercare di ambire a far sì che milioni di persone che si imbarcano su zattere di fortuna che rischiano la vita possano avere un’esistenza dignitosa a casa loro. E questo mio approccio non è lo stesso della Lega, di Fratelli d’Italia o a CasaPound. Loro hanno una avversione epidermica e culturale nei confronti del diverso, che abbia la carnagione scura o che arrivi dall’est europeo. Per loro è il diverso il problema”.

AUDIO http://www.tag24.it/podcast/stefano-esposito-si-al-reato-di-apologia-fascista/

Fonte: Radio Cusano Campus