Bando chiusura campi rom La Barbuta e Monachina

Si parla nuovamente di inclusione sociale integrazione ed economica dei campi rom La Barbuta e Monachina.




Un’azione da fare con i cittadini che abitano nelle zone limitrofe ormai stanchi e stufi dei continui roghi tossici e degli incendi e colonne di fumo nero che settimanalmente invadono i quartieri.

Al via il bando per l’affidamento delle procedure finalizzate alla chiusura dei campi La Barbuta e Monachina. L’oggetto dell’appalto, diviso in due lotti, risiede nella progettazione e nella realizzazione di percorsi di autonomia per il superamento dei due insediamenti. Verranno quindi previste misure volte al raggiungimento della progressiva inclusione sociale, economica ed abitativa degli abitanti sulla base delle direttive europee in materia, della Strategia Nazionale e del ‘Piano di indirizzo di Roma Capitale per l’inclusione delle popolazioni Rom, Sinti e Caminanti’ approvato dalla giunta capitolina lo scorso 26 maggio.

L’impegno di spesa ammonta a 2,268 milioni di euro: 1,570 milioni di euro per La Barbuta e 698mila euro per Monachina. Ulteriori 1,530 milioni verranno utilizzati dal Dipartimento Politiche Sociali, Sussidiarietà e Salute per favorire progetti di inclusione abitativa e lavorativa destinati esclusivamente a nuclei familiari in condizioni di fragilità, per un periodo non superiore a due anni.

Per usufruire delle misure di sostegno all’inclusione i nuclei familiari dovranno sottoscrivere il Patto di Responsabilità, basato sull’adempimento di precisi obblighi. Grazie alla collaborazione con la Guardia di Finanza verranno effettuate verifiche reddituali e patrimoniali su tutte le famiglie, che consentiranno di supportare esclusivamente le reali situazioni di bisogno.

Non potranno essere beneficiari delle misure coloro che:

 – risultino titolari di diritti di proprietà, superficie, usufrutto di beni immobili in Italia o all’estero, riferiti a tutte le tabelle delle categorie catastali;

 – risultino assegnatari di alloggi di edilizia residenziale pubblica destinati all’assistenza abitativa

-abbiano la titolarità e/o il possesso di beni mobili di lusso;

-abbiano la titolarità di conti correnti, depositi bancari, titoli ed altri componenti del patrimonio mobiliare per un valore pari o superiore a 10mila euro

-abbiano sottoscritto il Patto di Responsabilità con Roma Capitale e, successivamente, ne abbiano violato gli obblighi;

-abbiano sottoscritto il Patto fornendo dichiarazioni mendaci.

Nel complesso vengono quindi messi a disposizione, per il superamento di La Barbuta e Monachina, 3,8 milioni di euro. Si tratta di risorse finanziarie utilizzate tramite i Pon Metro 2014-2020 ed erogate dall’Unione Europea.