Frascati Scherma, quattro medaglie tra gli olimpici e cinque tra i paralimpici ai campionati italiani

Mentre sono già iniziati i campionati europei a Tiblisi, il Frascati Scherma si gode i successi ottenuti nello scorso fine settimana ai campionati italiani disputatisi a Gorizia. Quattro le medaglie ottenute tra gli olimpici e ben cinque nei paralimpici. Nel primo gruppo a ottenere il miglior risultato è stato Francesco Trani (nella foto di Augusto Bizzi) nel fioretto: solo Alessio Foconi ne ha fermato l’impeto, impedendogli di arrivare alla medaglia d’oro e battendolo per 15-12. In precedenza Trani aveva piegato in semifinale Piero Franco (Fiamme Oro) col punteggio di 15-10 e nei quarti il compagno di società Damiano Rosatelli, battuto per 15-9 e piazzatosi al settimo posto. Le altre tre medaglie sono tutte di bronzo e arrivano ancora dal fioretto, con la doppietta firmata da Camilla Mancini e Valentina Cipriani, e dalla sciabola, dove Rossella Gregorio si è fermata in semifinale. Nel primo caso alle fiorettiste sono stati fatali gli incroci rispettivamente con Batini (poi laureatasi campionessa d’Italia) e Vardaro (impostasi sulla Cipriani per una sola stoccata), mentre la Gregorio si è arresa al cospetto della Navarria. Oltre al piazzamento del già citato Rosatelli, vanno segnalati anche il quinto posto di Francesca Palumbo, il sesto di Valentina De Costanzo e gli ottavi di Lucia Lucarini e Federico Riccardi (tutti nella sciabola), ma anche il quarto posto della squadra di sciabola composta da Chiara Crovari, Veronica Ermacora, Lucia Lucarini e Maria Chiara Palumbo: dopo la sconfitta in semifinale contro l’Esercito, nella finale per il bronzo fatale l’incrocio con l’Aeronautica.
Il Frascati Scherma, infine, si conferma all’avanguardia anche nel settore paralimpici. Il club tuscolano ha portato a casa ben cinque medaglie dalla kermesse di Gorizia. Anche se è mancato l’acuto più alto, i ragazzi tuscolani hanno fatto un eccellente lavoro. Il più vicino all’oro è stato Gianmarco Paolucci che si è piazzato al secondo posto nel fioretto categoria B. Nella stessa competizione, tra l’altro, Cristian Ceracchi ha chiuso immediatamente alle spalle del compagno conquistando uno splendido bronzo. Sempre Paolucci ha fatto il bis di medaglie grazie alla prova di sciabola (categoria B) dove ha ottenuto il terzo posto. Doppia medaglia, infine, anche per Pietro Miele che nella categoria A ha trovato un terzo posto nella prova di sciabola e un altro bronzo in quella di fioretto. In quest’ultima gara va segnalato anche il sesto posto di Marco Negroni che poi si è piazzato settimo nella prova di spada (sempre della categoria A).