Intervista a Tiziana Rocca (Yes we can!)

Intervista.
Cominciamo con la sua attitudine a organizzare eventi per la raccolta di fondi a favore della ricerca scientifica, come, ad esempio, quella per le malattie genetiche.
Da ben venticinque tanti anni sostengo associazioni sul territorio, nazionali e internazionali attraverso eventi che promuovono raccolta fondi concrete e mirate, dando visibilità a tutto ciò che non è segnalato dai giornali.
Vigilando che i fondi vadano nella giusta direzione
Sì, mi piace seguire fino in fondo le cose: dalla comunicazione iniziale fino al compimento dell’evento, dando alla stampa il giusto rilievo di come si è svolto. Ci sono voluti due anni di lavoro per convincere la Mercedes a devolvere i finanziamenti  per la costruzione di un padiglione di malattie infettive all’Ospedale Pediatrico Bambin Gesù per bambini malati di HIV: è stata la più grossa opera mai realizzata da un privato. In Italia all’epoca la Mercedes pagò le tasse sulla sua donazione, in America invece quello che  devolvi al sociale te lo scarichi fiscalmente.In Italia è  quindi più difficile convincere i privati a fare beneficenza, eppure io non mi sono mai scoraggiata. Io dico sempre che se  crei reddito, è un tuo dovere  dare qualcosa in cambio : bisogna che sia beneficienza pura e in questo mi sono sempre ispirata all’America.
Anche iniziative riguardo al WWF e l’Ambiente
Sì, ho creato tante campagne per il WWF e l’Ambiente. L’anno scorso a Taormina ho fatto una grande campagna importante con l’ Enea lanciando l’ hastag“ognuno deve fare la sua parte”.
Passiamo all’ambito dello spettacolo. La sua direzione del Taormina Film Fest
E’ un festival storico dove i fondi dei privati sono al novanta percento e investire nella cultura nel nostro paese non è cosa facile in un momento di crisi: devi avere un grande ritorno d’immagine che noi abbiamo avuto, avendoci riconfermato per cinque anni la direzione del Festival con grande fiducia.
Il premio Kinéo alla Mostra del Cinema di Venezia. Questi premi poi portano qualcosa?
Il Premio Kinéo è importante per il cinema italiano, per rilanciare le sale per il pubblico. E’ un riconoscimento molto ambito perché è il pubblico che determina l’incasso andando a vedere il film. Quest’anno il Premio Kinéo sarà domenica 3 settembre prossimo- lo voglio annunciare- e sarà la mia Quarta Edizione.
Lei è membro della Brithis Academy of film and Televison Arts e ha prodotto cortometraggi e film
Sì mi piace molto la produzione cinematografica, quella sul campo, che raggiunge obiettivi concreti: ho prodotto dei corti che sono stati presentati al Festival di Venezia e di Roma, corto che ho girato con il regista Antonello Sarno con il quale lavoro benissimo.
L’altro aspetto delle sue attitudini -anche se tutto fa parte della persona non ci sono aspetti separati- è quello letterario: lei ha scritto molti libri sul tema della comunicazione qual è l’ultimo in ordine di tempo?
L’ultimo saggio s’intitola “ La tua vita è un evento- vivila al meglio” Cairo Editore.
Cosa significa fare le pubbliche relazioni 2.0, come dice il titolo di uno dei suoi libri?
Oggi il nostro modo di lavorare è cambiato, dobbiamo essere aggiornati, usare i social nella maniera giusta. Naturalmente io organizzo eventi esclusivi che non sempre passano attraverso Facebook.Alcuni messaggi, però, possono diventare “virali”, soprattutto per quel che riguarda la solidarietà all’ interno degli aventi. Abbiamo fatto per esempio una serata con Paul Marciano– patron e direttore creativo di Guess -per celebrare il Denim Day Italia e sostenere D.i. Re- Donne in Rete contro la violenza.Per l’occasione sono stati lanciati degli hastag “virali”, che fanno riferimento a una sentenza in Italia del 1998 che stabilì che una donna con i jeans attillati deve essere per forza accondiscendente durante una violenza sessuale perché non può toglierli…che sentenza assurda!Così il 27 maggio ci sarà una serata durante la quale ci metteremo tutti i jeans, per dire che una donna deve essere libera di indossare quello che vuole perché ciò non può essere un’attenuante per nulla, non ci sono scuse. Insomma bisogna essere update…lanciare appunto hastag “virali” che diffondano messaggi.Mi faccio aiutare anche dai miei figli, essendo anche loro “tecnologici”: usiamo Facebook in maniera giusta, selezionando, non tutto va bene.
Lei è anche docente
Sì, ho creato il mio primo corso a Cinecittà anni fa, ora è alla quattordicesima Edizione. Il titolo del corso è “La fabbrica degli eventi” e si svolgerà il 7 e 8 ottobre 2017: ho condensato in un week end il corso, per garantire una full immersion su cosa significa organizzare un evento di successo.
Come concilia l’ essere madre con l’essere manager ?
Ho scritto un libro ”Mamma dalla A alla T” sul tema dell’ essere madre.Noi donne vogliamo fare tutto bene a 360 gradi, io voglio seguire tutto, personalmente. Ho lavorato fino al nono mese di gravidanza e dopo aver partorito, sono tornata in pista …non ho preso un giorno di vacanza, i miei figli li portavo con me in ufficio, li allattavo, dormivano anche con il chiasso, il rumore, si sono abituati. Ho cercato sempre di conciliare tutto, una donna ce la può fare. Noi vorremmo dare sempre di più.
Il prossimo evento sulla comunicazione?
Ci sarà un evento al Cocoricò di Rimini il 23 e il 24 settembre 2017 al quale parteciperanno giovani, e imprenditori: lo presenteremo in anteprima.
Vuole aggiungere ?
Sì, da vari anni a Los Angeles organizzo il Filming in Italy, per promuovere l’Italia come set cinematografico.Quest’anno è venuto il regista cinematografico Oliver Stone e ho presentato un suo film. Io credo  molto nel made in Italy.
Grazie per la chiacchierata!
Grazie a Lei.




Maria Chiara D'Apote
Informazioni su Maria Chiara D'Apote 240 Articoli
Laureata in Lettere presso il Dipartimento di "Italianistica e Spettacolo "della Università "La Sapienza di Roma". Si occupa da anni di Teatro,Cinema,Poesia,Pittura. Dal 1986 fa insegnamento Primario e Didattica dello Spettacolo per bambini, in una visione olistica,sistemica, dell' Essere Umano. Ha pubblicato articoli sul quotidiano socialista Avanti! (avantioline). Dal Gennaio 2016 scrive sul giornale  Il Tabloid, pubblicando articoli nella rubrica Cinema e Spettacolo.