8 dicembre 2016

Roma 2024, Di Pietro: “Sbagliato non farle, quando si governa le responsabilità bisogna assumersele”

L’ex magistrato Antonio Di Pietro è intervenuto questa mattina ai microfoni di Radio Cusano Campus, l’emittente dell’Università degli Studi Niccolò Cusano, nel corso del format ECG, con Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio.

Di Pietro ha ribadito che non sarà assessore nella Giunta Raggi: “Non ci azzecco niente in questa storia, nessuno mi ha chiesto nulla e se anche mi avessero chiesto qualcosa avrei detto di no, visto che sono già impegnato in un altro lavoro e non ho il dono dell’ubiquità”.

Sulla questione Olimpiadi, Di Pietro stavolta non è d’accordo con la scelta del Movimento Cinque Stelle: “Io personalmente sono amareggiato, per il fatto che un movimento come questo, che io ho sempre difeso. Al governo ora ci sono loro, al potere ci sono loro, le Olimpiadi sono un fattore importante sia di orgoglio nazionale che di investimenti infrastrutturali e rilancio della città. Ci sono loro al governo, loro avevano il dovere di prendersi la responsabilità di organizzarle. Questa è una confitta che amareggia quelli che credono e hanno fiducia nel Movimento Cinque Stelle. Io allora non avrei dovuto fare mani pulite, perché sapevo che poi ne avrei dovuto pagare le conseguenze. Io ho dovuto subire più di 462 processi per aver fatto mani pulite. Che ragionamenti sono questi? Non si fanno quando si hanno delle responsabilità. Bisogna assumersele e non fuggirle. L’idea di dire che ci sono altre cose da fare per Roma è una banalità. In questo caso fare le Olimpiadi significa avere l’occasione, le finanze, le risorse, la possibilità di gestirle direttamente, per rilanciare Roma e la loro attività politica, che avrebbe dovuto essere diverse da come è stata fino ad ora. Il fatto che si facciano le Olimpiadi non esclude che si faccia anche il resto. In passato ci sono stati degli sprechi? E adesso ci siete voi e non li fate! Dico solo questo: il settore in cui ci sono maggiori sprechi in Italia è quello sanitario. Che facciamo, non costruiamo più ospedali in Italia?”.

Di Pietro in questo caso non è d’accordo con l’atteggiamento del Movimento Cinque Stelle: “La loro posizione di dire che i romani hanno votato loro al ballottaggio e loro erano per il no è molto bambinesca. I romani hanno detto no agli altri partiti perché hanno fatto ruberie in passato e hanno votato loro per dare Roma in mano a persone nuove. Per sapere il pensiero dei romani sulle Olimpiadi facessero un referendum vero, uscirebbe un risultato completamente differente”.

Di Pietro, però, è critico anche con Malagò: “Se dovessimo ognuno di noi comportarsi come ha fatto Malagò l’Italia si fermerebbe. Tutti sono costretti ad aspettare, ogni giorno. Quella è stata una furbata di Malagò, un gesto di comunicazione che è servito per far risaltare il caso. Anche io in questo momento sto aspettando qualcuno, ognuno di noi aspetta qualcuno durante le giornate. Quella povera Crista di Virginia Raggi avrà avuto altro da fare. Stiamo parlando del Sindaco, può aver avuto qualche impegno. Malagò doveva aspettare. Io alla Raggi vorrei dire solo una cosa: Virgì, pensa a lavorà!”.

AUDIO http://www.radiocusanocampus.it/podcast/?prog=1517&dl=10129

Fonte: Radio Cusano Campus