9 dicembre 2016

Come fare beneficenza in modo sicuro

La beneficenza è un aspetto molto importante delle nostre vite, e soprattutto delle vite di chi riceve i finanziamenti adeguati per poter condurre un’esistenza meno problematica. Eppure non sempre fare delle donazioni risulta un’operazione semplice e scontata: purtroppo, non è raro imbattersi in tentativi di truffa e quant’altro. Un rischio che, purtroppo, è stato confermato dalle recenti campagne pro-terremotati che avevano il solo scopo di sottrarre soldi a chi, invece, desiderava con tutto il cuore sostentare le vittime. Pur essendo questo un caso molto specifico di donazione, va comunque detto che le truffe per quanto concerne i finanziamenti ai portatori di disabilità sono invece all’ordine del giorno. Come fare beneficenza in modo sicuro, dunque?

Imparare a conoscere il sistema della donazione

Il primo passo per avere la certezza di fare delle donazioni sicure è sapere come esse si svolgono, e quali sono gli enti preposti al controllo delle donazioni. In questo senso, il primo passo è assicurarsi che la Onlus alla quale avete intenzione di rivolgervi sia stata riconosciuta dall’ICFO, ovvero dall’organo di controllo europeo che veglia su queste associazioni senza scopi di lucro. In questo modo, avrete la certezza che l’ente presso il quale vi rivolgete operi secondo la legalità.

Rivolgersi ad un ente universalmente riconosciuto

Un sistema ulteriore per informarvi sulla correttezza della Onlus e sull’effettivo perseguimento dei suoi obiettivi umanitari è il nome: proprio come accade in altri settori, esso rappresenta un’etichetta la cui diffusione e fama testimonia la sua correttezza. Ad esempio, la Lega del Filo d’Oro è un ente no profit che si occupa di diversi programmi aventi a che fare con le donazioni per bambini disabili, universalmente riconosciuta e dunque sinonimo di correttezza. Inoltre, questa associazione si occupa da diversi decenni del supporto dei bimbi con disabilità motorie e psico-sensoriali.

Verificare il bilancio dell’associazione

I bilanci sono un sistema infallibile per capire se vi trovate davanti ad una associazione truffaldina, oppure ad un ente no profit corretto e che lavora per il bene delle persone più sfortunate. Ad esempio, un bilancio pubblico è sinonimo di chiarezza, a maggior ragione se è stato approvato da una società indipendente. In questo senso, la voce relativa alle spese non dovrebbe mai superare il 10%.

Sito web, certificazione SSL e altri consigli

Uno degli aspetti più scottanti delle donazioni online è il form di pagamento: assicuratevi che sia protetto da un sistema di crittografia come ad esempio una certificazione SSL, ed esaminate a prescindere le note relative al trattamento dei dati personali. Alcune associazioni, infatti, hanno la pessima abitudine di vendere i vostri dati sensibili al miglior offerente. Infine, assicuratevi che l’associazione vi invii la ricevuta: unica prova concreta dell’avvenuto pagamento.