Delitto di Pordenone, l’Avv. Gentile: “Ruotolo è un bugiardo. Il suo rapporto con Teresa è malato”

L’Avvocato Nicodemo Gentile è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Legge o Giustizia” condotta da Matteo Torrioli su Radio Cusano Campus, la Radio dell’Università Niccolò Cusano. Il legale ha parlato del delitto di Pordenone e della posizione di Giosuè Ruotolo, unico indagato per l’omicidio di Trifone Ragone e la fidanzata Teresa Costanza. Gentile, infatti è avvocato di Gianni Ragone, fratello della vittima.

Il 10 ottobre scatterà il processo ad Udine: “A breve ci costituiremo come parte civile – annuncia Gentile – ovviamente ci aspettiamo una conferma della custodia cautelare per Ruotolo. Siamo sereni, la Cassazione è molto rigorosa.  Sicuramente Ruotolo ha avuto una condotta ambigua. Troppe bugie, reiterate: ha sempre tentato di non dire la verità. Soprattutto ha cercato di fuorviare gli inquirenti. Attualmente ci sono elementi che ci fanno parlare di gravi indizi di colpevolezza. Il suo comportamento mal si concilia, poi, con il ruolo che aveva di militare che aspirava ad entrare in Finanza. Ruotolo non ha ammesso da subito i suoi movimenti nella sera dell’omicidio. Le sue giustificazioni erano puerili e risibili. La verità l’ha detta in seguito ma non in modo spontaneo. Ha ammesso delle cose solo quando non poteva più negare”. L’Avvocato Gentile si è soffermato anche sulla figura della fidanzata di Ruotolo, Rosaria Patrone: “Un rapporto malato tra lei e Giosuè Ruotolo. Anche lei ha ammesso bugie imbarazzanti. E’ una figura ambigua che avrebbe potuto fermare il proprio fidanzato del quale si diceva innamorata. Una forma malata di amore, dato che la stessa Patrone ha ammesso di aver tradito Ruotolo più volte. Lei è stata una di quei soggetti che ha concorso ha creare intorno a Trifone e alla sua fidanzata Teresa un ambiente ostile. Ci auguriamo che in futuro si ravveda”. Sperate possa diventare una testimone chiave del processo? “La confessione, oggi come oggi, è diventata “rara avis “. Ci sono però testimoni importanti come i due coinquilini di Ruotolo, Sergio Romano e Daniele Renna; saranno fondamentali. Sono loro che hanno ammesso che la sera del 17 marzo Ruotolo era uscito di casa, dopo che in un primo momento lo avevano tutelato. Inoltre, hanno raccontato che lo stesso Ruotolo aveva rivelato loro di aver creato una account su facebook con il quale contattava, facendosi passare per una donna, Teresa Costanza, la fidanzata di Trifone Ragone”. Secondo Gentile non ci sono dubbi sul fatto che Ruotolo sia il colpevole: “La gravità indiziaria nei confronti del Ruotolo è l’intero carteggio processuale. Accanto ad indizi imponenti ed importanti ci sono delle bugie che lui ha raccontato. Ruotolo ha sempre mentito. Per fare un esempio, ha mentito su quali scarpe da tennis avesse quella sera del 17 marzo. Gli trovarono un paio di adidas che Ruotolo disse di aver acquistato due anni prima. Gli inquirenti scoprirono che quelle scarpe erano in commercio da pochi mesi. Insomma, è un callido mentitore”.

AUDIO http://www.radiocusanocampus.it/podcasts/9784.mp3

Fonte: Radio

I video del giorno

Informazioni su Emanuele Bompadre 10592 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.