6 dicembre 2016

Combattere lo stress: un dessert come terapia

Come molti sanno, la cioccolata è uno degli antidepressivi naturali più efficaci che esistano in natura. Neurotrasmettitori come la serotonina e l’endorfina, infatti, presenti in quantità significative nel cacao, agiscono positivamente sulle emozioni, influenzano l’umore e si configurano come una soluzione ottimale per combattere lo stress. Meno noti, invece, sono gli effetti sullo stato d’animo esercitati, in generale, dagli alimenti zuccherosi, anche essi fortemente impattanti sullo stress percepito dagli individui, anche se non operano come antidepressivi.

Uno studio americano

Nel corso del 2015, un’equipe dell’Università di Los Angeles ha condotto una ricerca su un campione di 2.379 ragazze di età compresa fra i 18 e i 19 anni. Lo studio si è servito di una serie di questionari volti ad analizzare la relazione tra stress percepito e alimenti utilizzati per contrastarlo. L’esame incrociato delle due varianti ha mostrato come le ragazze che optano per una dieta orientata al ‘comfort food’ presentano livelli di stress inferiori, evidenziando come un’alimentazione appagante dal punto di vista del gusto sia anche uno strumento efficace per la gestione delle ansie quotidiane.

Contro lo stress ma non la depressione

Cibi ricchi di glucidi, fritti e, in generale, contraddistinti dai sapori forti (e solitamente più calorici) si rivelano come un efficace antistress, riducono il livello di ansia e permettono di mantenere un umore più positivo nel corso della giornata. D’altra parte, i dolci non hanno alcun effetto antidepressivo, dimostrandosi inefficaci contro quella che, secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, è la quarta causa di invalidità al mondo (e potrebbe diventare la seconda entro il 2020).

Una ricerca dai risultati parziali

Ma piano con le ordinazioni di dolci a domicilio e con i saccheggiamenti delle pasticcerie: lo studio americano, infatti, ha utilizzato un focus molto limitato, analizzando solo il genere femminile e solo nella fascia d’età 18-anni. Studi condotti in passato hanno già portato alla luce evidenze differenti e non da escludere (anzi, appare plausibile) che gli uomini non percepiscano allo stesso modo il rapporto tra ansia e alimentazione.