10 dicembre 2016

Frosinone, mostra di Giovanni Colacicchi alla Villa Comunale

 

Giovedì 1° settembre alle 18, nei locali della Villa comunale di Frosinone, si terrà il vernissage della mostra di Giovanni Colacicchi dal titolo “Il disegno come progetto e come racconto”. Sarà possibile visitare l’esposizione, che rientra nella rassegna “L’arte visiva contemporanea alla villa comunale di Frosinone” diretta da Alfio Borghese, fino al 10 settembre (secondo gli orari 10-13; 16-20). L’evento è patrocinato da Regione Lazio, Provincia e Comune di Frosinone. Giovanni Colacicchi nasce ad Anagni nel 1900 e all’età di sedici anni si trasferisce a Firenze dove avviene la maturazione artistica che lo porterà a diventare uno dei più importanti pittori figurativi del gruppo artistico del ‘Novecento Italiano’, di cui fanno parte Carrà, Casorati, De Chirico, De Pisis, Guidi e Morandi, con i quali espone a Milano nel 1926. Dal 1928 al 1948 è invitato alla Biennale di Venezia; nel 1938 Eugenio Montale scrive la presentazione di una sua mostra personale alla Galleria La Cometa di Roma. Dal 1940 al 1970 insegna all’Accademia di Belle Arti di Firenze, di cui per molti anni è il direttore. Insieme a sua moglie Flavia Arlotta, il suo impegno politico e per la salvaguardia del patrimonio ambientale e artistico è ben documentato dalle carte di famiglia depositate nel 2011 all’Archivio Contemporaneo “A. Bonsanti” del Gabinetto Vieusseux di Firenze. Muore nel 1992, ancora immerso nel lavoro. “Un maestro dell’arte visiva che ha saputo diventare prima toscano e poi internazionale, ma che non ha mai dimenticato le sue origini, che è tornato spesso e volentieri a visitare i luoghi natii per illustrarli e raccontarli agli appassionati d’arte di tutta Europa”, ha scritto di lui il sindaco di Frosinone Nicola Ottaviani nella presentazione dell’evento. “Non a caso il palazzo della Provincia di Frosinone è adornato delle sue opere che ci regalano illustrati i luoghi più caratteristici e i paesaggi più interessanti dell’intera Ciociaria. E la cattedrale, la chiesa di Santa Maria, si vanta di sue due pale che sono tra le più luminose tra quelle degli artisti più importanti del novecento che rendono unica la Collegiata di Frosinone”. “L’angelo che annuncia a Maria la nascita di Gesù di Nazareth: è il disegno simbolo di questa mostra alla Villa Comunale, dedicata al grande artista anagnino. Un disegno in preparazione della grande pala esposta all’interno della Cattedrale di Frosinone, che è stato donato al Comune dal figlio Francesco. Dal 1° al 10 settembre, nel corso di questa seconda mostra dedicata al genio di Colacicchi dopo la personale di tre anni fa, avremo i suoi disegni e le opere realizzate in preparazione delle sue tele più famose, tra cui le splendide danze di fanciulle che hanno reso Colacicchi famoso in tutto il mondo”, ha detto invece l’assessore alla cultura del comune di Frosinone, Gianpiero Fabrizi. Nelle parole del curatore Alfio Borghese, “Questa mostra potrebbe essere l’avvio di una più completa archiviazione dei suoi disegni, che partono dai primi anni venti del novecento e, attraverso l’adesione di Colacicchi alle varie correnti artistiche del secolo scorso, arrivano agli inizi del 1990 in 70 anni di straordinario percorso artistico”, una parte del quale sarà in esposizione nell’imperdibile mostra alla Villa comunale di Frosinone.

About Samantha Lombardi 4034 Articoli
Samantha Lombardi è un archeologa, laureata in Archeologia e Storia dell'Arte del Mondo Antico e dell'Oriente. Cura un sito che parla del patrimonio artistico (www.ilpatrimonioartistico.it), collabora con l'Ass. Cul. Il Consiglio Archeologico ed è addetta stampa dell'Ass. di Rievocazione Storica CVLTVS DEORVM. Dal maggio del 2014 collabora con Il tabloid.it