8 dicembre 2016

Power terza stagione: il legame con la città di New York

Power è una storia che non potrebbe essere mai raccontata in una città qualsiasi, motivo per cui l’intera produzione è nuovamente avvenuta a New York City, sviluppando le proprie riprese in tutti i cinque iconici distretti della metropoli, da Grand Army Plaza in Central Park a Pelham Bay Park nel Bronx, da Union Square a tutte le vie d’uscita da Staten Island. In particolare, questa sarà la stagione con il maggior numero di location rappresentanti la città e i suoi sobborghi.

A tal proposito Curtis “50 Cent” Jackson afferma che “In questo modo l’agglomerato urbano diventa esso stesso un personaggio della serie. New York ha così tante e diverse etnie e persone coinvolte in differenti attività e noi vogliamo mostrarle tutte. Per farlo, però, è importante distinguere anche un portoricano da un dominicano: cosa dicono, i loro accenti, le espressioni e la loro energia non devono essere confusi o mal interpretati al fine di valorizzare la storia e renderla reale”.

Ambizione e desideri in Power S3, direttamente dalle parole della show creator Courtney A. Kemp 

Bisogna stare molto attenti a ciò che si desidera” ha commentato la show creator ed executive producer Courtney A. Kemp “Questa stagione è brutale, senza compromessi, prepotente e sanguinaria. Ogni personaggio sembra essere proprio dove voleva essere, ma si trova a dover pagare il duro prezzo di ciò che li ha portati fino a quel punto”.

“Fratello contro fratello”, il rapporto controverso tra James “Ghost” St. Patrick e Tommy Egan 

Il centro di Power sono sempre stati Ghost e Tommy,” ha aggiunto Sikora. “Loro sono fratelli. La serie si basa sulla loro lotta per il potere e ciò che fanno con il potere che hanno. È la storia del loro viaggio attraverso la vita insieme e anche da soli, come abbiamo visto nelle due stagioni precedenti. Tommy è un fratello, un figlio, un amico, ma anche un boss e la sua relazione con Holly porterà alla luce una grande varietà di altre emozioni: sono entrambi dei sopravvissuti, vedono l’uno nell’altra quella urgenza e quell’istinto primordiale di sopravvivenza che li porteranno a lottare in modo appassionato, rabbioso e follemente intenso.”