9 dicembre 2016

Fiumicino, Ponte 2 giugno, Opposizione: “Sfortuna? No, disinteresse”

 

Quello che sta accadendo a Fiumicino non è il frutto di qualche strana convergenza astrale ma più semplicemente del totale disinteresse di questa amministrazione per la città.

Prima i lavori del sottopasso, poi quelli dell’auditorium, poi ancora quelli del centro fitness all’aperto comunale e del nuovo Ponte Due Giugno. La nostra vera sfortuna è avere un sindaco capace solo a promettere e null’altro.

Sul Ponte Due Giugno siamo stati due anni ad ascoltare gli astrusi piani di Montino che prima voleva separare le acque del Tevere, poi trapanare il letto del fiume e momentaneamente convogliare le acque in altro modo. Poi ancora siamo passati all’altro assurdo piano: l’ampliamento di 30 centimetri dell’attuale carreggiata del ponte alla modica cifra di 1.5 milioni di euro.

Inizio lavori fissato prima a ottobre 2015, poi a dicembre 2015, poi ancora a marzo 2016, per finire a giugno 2016. Manca una settimana a settembre e dopo un anno di annunci e promesse il ponte sta ancora così perché si sono accorti solo ora di non avere i nulla osta propedeutici. Insomma: sono stati capaci di appaltare dei lavori e annunciarli dimenticando il piccolo particolare delle autorizzazioni. Cosa da poco.

Questa faciloneria amministrativa continua a produrre uno sperpero continuo di denaro pubblico e disagi sia per gli operatori nautici e sia per i cittadini che si ritroveranno a dover subire i lavori e rimanere senza ponte nel periodo di maggior traffico.

Lo dichiarano i consiglieri comunali Mauro Gonnelli, Federica Poggio e William De Vecchis

About Emanuele Bompadre 8287 Articoli
Emanuele è un blogger appassionato di web, cucina e tutto quello che riguarda la tecnologia. Motociclista per passione dalle sportive alle custom passando per l'enduro, l'importante è che ci siano due ruote. Possessore di una Buell XB12S è un profondo estimatore del marchio americano.