6 dicembre 2016

Bologna ricorda il 2 agosto: “Ora i nomi dei mandanti”

ansa - strage bologna - Il lavoro dei soccorritori subito dopo la strage di Bologna del 2 agosto 1980, in una foto d'archivio. ANSA

Sono passati 36 anni dalla strage di Bologna: una bomba fece saltare in aria l’ala Ovest della stazione, uccidendo 85 persone e ferendone 200. Per l’atto terroristico sono stati condannati gli estremisti di destra Giusva Fioravanti, Francesca Mambro e Luigi Ciavardini. I mandanti non sono mai stati svelati.

Come ogni anno, la città si riunisce in corteo per commemorare la strage.

DE VINCENTI: FATTI PASSI AVANTI VERSO VERITÀ

“I tempi per arrivare alla verità sono lunghi, ma sono stai fatti dei passi avanti e altri ne faremo, perché la vostra sete di verità è anche la nostra”. Così il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Claudio De Vincenti si rivolge, a Palazzo D’Accursio, ai famigliari delle vittime della strage del 2 agosto 1980 alla stazione di Bologna. Nel suo intervento, De Vincenti rivendica quanto fatto dal Governo, che “il 21 luglio non si è limitato agli annunci, ma ha portato fatti concreti”, per arrivare alla verità. In particolare, il sottosegretario sottolinea “i passi avanti sull’applicazione della legge 206 suirisarcimenti ai parenti delle vittime, su cui stiamo cercando di superare i problemi che finora hanno impedito di applicarla appieno”. Alcuni di questi problemi, afferma De Vincenti, “sono già stati risolti, altri lo saranno con la legge di stabilità”. Un segno, dice l’esponente del Governo, che “lo Stato riconosce il dolore delle vittime, pur sapendo che nulla può ripagarlo”.

Fonte: agenzia dire

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5967 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.