2 dicembre 2016

Brunetta: “Rai, si faccia trasparenza sui milioni che guadagnano Fazio e Vespa”

21/10/2013 Roma, un caffè con..., nella foto Renato Brunetta

 

Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera, è intervenuto stamattina su Radio Cusano Campus, l’emittente dell’Università degli Studi Niccolò Cusano, nel corso del format ECG Regione, condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio.

Brunetta ha detto la sua sullo stato di salute delle banche italiane: “Quando ci sono troppe rassicurazioni vuol dire che c’è qualcosa che non va. Non va l’economia italiana, non va la crescita, non va la politica economica del governo, sbagliata e fatta di mance per comprarsi il consenso, come Renzi fa da due anni e mezzo. E lo stato di salute delle banche è la conseguenza di sette o otto anni di crisi economica. La durata delle crisi storicamente non è mai stata superiore ai tre o quattro anni, qui siamo a un livello doppio, questa crisi ha una lunghezza mai vista nella storia economica. L’Italia poi è il fanalino di coda dell’UE”.

Brunetta ha parlato della compattezza di Forza Italia nel no al referendum: “Il centrodestra è unito sul referendum. No, no e no. Tutti i sondaggi ormai unicamente danno il no in netto vantaggio sul sì e soprattutto danno un potenziale di espansione dei no ancora di 10-15 punti. Renzi è da solo, non ha accanto nemmeno tutto il Pd. Il buon D’Alema  costituisce comitati per il no, anche Bersani è in un mare di guai e dice che se non si cambia l’italicum per lui è difficile votare sì se non si cambia l’italicum. Renzi non potrà bloccare il parlamento per la riforma della riforma della legge elettorale solo per non far vincere il Movimento Cinque Stelle? Doveva pensarci prima. Renzi è solo, è in un mare di guai, i no vanno avanti”.

Su Alfano e NCD: “Alfano s’offre. Il che mi fa sorridere. Io gli dico di far cadere Renzi subito, votare no al referendum e poi si potrà costruire un centrodestra unito con quelli che sono stati eletti comunque sotto il nome di Berlusconi presidente. Abbiano la correttezza di fare il loro percorso, se vogliono cambiare strada facciano cadere Renzi, che è uno zombie, un morto che cammina, che vuol cambiare costituzione e legge elettorale senza averne i voti, senza essere mai stato eletto e con i voti dei transfughi dagli avversari. Nemmeno in Turchia si vedono cose del genere. Prima finisce questa deriva antidemocratica e meglio è”.

Su Salvini: “Io amo molto il mercato che è fatto di premi e punizioni. Se uno offre un prodotto di qualità viene premiato, se uno offre un prodotto viziato viene punito. Io amo che nelle competizioni ci sia il mercato, ci siano i primi e le punizioni. Salvini ha portato il suo partito che era ridotto allo stremo al 13 o 14 percento. Lo ha fatto con una comunicazione forte, determinata, con le felpe e messaggi chiari. Questo non può che essere considerato un valore. Ora deve stare attento che non ci sia una fase di stanca nella sua comunicazione e nel suo messaggio. La sua fase ascendente è finita, ora c’è la fase del costruire insieme. Continuiamo con la costruzione del centrodestra unito, abbiamo un grande catalizzatore, che è il referendum. Diamo contenuti non solo ai no, ma mettiamo in chiaro i nostri sì”.

Sulla Rai e i super stipendi dei dirigenti di Viale Mazzini: “Io da 7 anni combatto per avere la trasparenza nella pubblica amministrazione. Io voglio la trasparenza, perché è la base della democrazia. Cercai di imporla anche alla Rai e l’allora dg Masi era d’accordo con me. Volevamo pubblicare gli stipendi di tutti i dipendenti e dei collaboratori esterni. Abbiamo messo a punto questo obbligo che poi la Rai si è guardata bene dall’applicare. Circa dal 2009 quindi la Rai è fuorilegge. In Rai si sono sempre rifiutati di pubblicare i compensi. Renzi è arrivato addirittura a mettere un tetto alla retribuzione dei pubblici dipendenti. 240.000 euro. Tutti i dipendenti pubblici si vedono ridurre lo stipendio, anche il Primo Presidente di corte di Cassazione. A quel punto, però, Renzi accorgendosi di dover nominare i vertici della Rai, fa marcia indietro, consente un imbroglio e consente alla Rai di essere esentata dal tetto, in quanto azienda operante nel mercato finanziario. Ma la Rai fa, o dovrebbe fare, informazione e cultura. Non attività finanziaria. E il risultato è che Campo Dall’Orto guadagna 600.000 euro e che ci sono decine e decine dirigenti che sono oltre la soglia dei 240.000 euro e guadagnano più del primo presidente di corte di cassazione. Questo è aberrante e inaccettabile. Io dico che è bene che gli scandali scoppino, che si veda l’opportunismo di Renzi che fa le regole e poi le disapplica quando si tratta dei suoi amici del giglio magico. Io voglio però che si rendano pubblici anche i 4 o 5 milioni che guadagna Fazio o i 2 o 3 milioni, io non lo so, che guadagna Vespa. Senza invidia, sia chiaro, ma i milioni di italiani che pagano il canone hanno diritto di sapere quanto guadagna la Littizzetto, Vespa, Fazio, i collaboratori esterni tipo Francesco Merlo, che fanno i moralizzatori e i soloni. Noi politici la trasparenza l’abbiamo già attuata da anni. Del mio reddito e del mio patrimonio si sa tutto. Si sa che io ho una 500 del 62, una bmw del 98, un Lupetto (un camioncino funzionante e bellissimo), Di me si sa tutto”.

L’ultima battuta di Brunetta è sui Pokemon: “I Pokemon? Mi sono sempre riservato di capire che cavolo sia questa faccenda dei pokemon, ma mi sto interessando di cose leggere tipo banche,  pensioni, disoccupazione, ecc, mi sto attrezzando su queste tematiche leggere, le cose importanti come i pokemon le lascio agli altri, ma prima o poi me ne occuperò”.
AUDIO
 http://www.radiocusanocampus.it/podcast?prog=1517&dl=9447