9 dicembre 2016

Itri, la rassegna cinematografica Krisis fa luce sui con-dannati

Al castello medievale 4 appuntamenti con i film d’autore e con ospiti filosofi, scrittori, registi; ad agosto c’è Vladimir Luxuria per discutere di “human rights”

A Itri c’è un evento imperdibile che ogni estate torna a riempire la cavea del castello medievale. È la rassegna cinematograficaKrisis”, vera e propria passerella estiva di volti noti del mondo accademico e della cinematografia di livello nazionale presso il borgo medievale. Quest’anno l’associazione “Krisis – Human Rights” proporrà un percorso cinematografico, filosofico, didattico incentrato sul macro-problema della condanna a morte nelle sue varie accezioni e nelle sue molteplici declinazioni.

Si comincia il 14 luglio (sempre alle 21 ad ingresso gratuito) con la proiezione di “The life of David Gale” (2003, regia di Alan Parker): alla serata interverranno il filosofo prof. Emiliano Di Marco, studioso di Wittgenstein e di Foucault, e il dott. anestesista Dante Virgilio con una lectio magistralis sull’iniezione letale; presenterà l’evento il giornalista e poeta Simone Di Biasio.

Nel film selezionato il regista ci conduce lungo le tracce di un complicato caso giudiziario, spingendo lo spettatore a riflettere circa la pena capitale e la sua fallibilità, interrogandolo sul ruolo dell’attivismo e sul confine tra passione ideologica e fanatismo, servendo un paradigmatico finale. La trama ricostruisce la vita di Gale in una serie di serrati flash-back, montati con un ritmo solido, intenso, in cui l’alta professionalità di Parker emerge con forza. David Gale (Kevin Spacey) è il leader di un movimento di protesta contro la pena di morte in Texas. Accusato di stupro e omicidio entra nel braccio della morte. Un tempo stimato docente di filosofia, ottiene il permesso per rilasciare un’intervista alla giornalista Bitsey. A lei Gale dice di non aver stuprato né ucciso, di essere anzi vittima di un complotto, per denunciare il quale ora intende raccontare come si sono svolti veramente i fatti. Il film tratta il problema delle condanne a morte che in America si comminano con sempre maggior frequenza. L’ottica scelta è prettamente filosofica. Si vuole dimostrare l’inefficacia del mezzo e, soprattutto, la sua fatale fallibilità. Il film vuole però anche focalizzare l’attenzione sul ruolo degli attivisti cercando di individuare il giusto confine tra passione ideologica e impegno sociale. Film di incredibile forza espressiva, che trascende la cinematografia, e trasporta direttamente lo spettatore sulla scena del delitto. Colpevole o innocente? Si resta attoniti davanti alla devastante verità. Ma ci si rende conto che nel dramma, c’è la consapevolezza di chi per un ideale è disposto a sacrificare tutto. Il film va ben oltre la ‘mera’ denuncia sociale, penetrando infatti profondamente nella sfera psicologica. Una pellicola memorabile, un film interpretato meravigliosamente da attori di primissima scelta, autori di veri e propri pezzi di bravura recitativa tali da lasciarci a bocca aperta.

Il 28 luglio, invece, spazio a “Miracolo a Le Havre” (2011, regia di Aki Kaurismäki): interverrà il dott. Albano Giovanni (giornalista e critico cinematografico) e presenterà Joseph Pennacchia. Il 3 agosto sarà proiettato il film “The danish girl” (2015, regia di Tom Hooper) e interverrà la scrittrice, ex deputato e attivista lgbt Vladimir Luxuria: presenteranno l’evento la dott.ssa Gabriella Pacini e la psicologa dott.ssa Mirta Mattina. Il 24 agosto si chiude la rassegna con “Vogliamo anche le rose” (2007, di Alina Marazzi): parteciperanno il prof. Antonio Marturano (esperto di Bertrand Russell e di Human Rights), il documentarista Alan Smiti e lo scrittore e sceneggiatore Daniele Di Biasio. All’interno delle varie serate ci sarà spazio anche per letture sceniche da libri fondamentali o poco conosciuti sul tema trattato a cura di Serina Stamegna.

About Giovanni Soldato 2964 Articoli
Giovanni Soldato, specialista della fotografia.... secondo lui, ottima penna sia in ambito sportivo ma soprattutto nell'ambito dei motori. Nato a Barberino del Mugello appena ha tempo mette le due ruote in pista. Collaboratore de Il Tabloid cura la provincia di Latina, le notizie nazionali e dall'estero.