6 dicembre 2016

“Apriremo Scuole Calcio in Cina ed in Russia” a dirlo il procuratore Sundas

 

Scuole calcio in Russia e Cina dove potranno lavorare allenatori, tecnici, medici e fisioterapisti italiani. E’ questo il progetto intrapreso dalla Sport Man del manager e procuratore Alessio Sundas che ha avviato le procedure per espandere il proprio brand a Mosca e Pechino. Un programma molto articolato che permetterà di esportare la grande professionalità di tanti operatori del settore calcistico che potranno proporsi per questa innovativa esperienza.

“Il Progetto Scuola Calcio Sport Man – spiega il procuratore Sundas – nasce dall’intento della nostra organizzazione di espandere il proprio raggio di azione anche in Russia ed in Asia, dopo gli ottimi risultati in Italia ed in Europa. Abbiamo pianificato una serie di affiliazioni tra la Sport Man e numerose Scuole Calcio cinesi ed ex sovietiche al fine di convogliare in quella parte di mondo professionisti italiani in grado di apportare uno sviluppo tecnico ed organizzativo di spessore. Esistono molti talenti calcistici in Cina e Russia che spesso non riescono a sbocciare per mancanza di adeguate strutture e maestri da cui poter apprendere preziosi insegnamenti. La Sport Man invita allenatori, massaggiatori, tecnici, fisioterapisti, medici, preparatori atletici ed altre figure professionali omogenee al progetto a contattarci per cogliere al volo questa importante opportunità lavorativa. Sotto l’egida della Sport Man avranno le porte spalancate per operare in queste Scuole Calcio. E’ un progetto che nasce con una solida base economica e non come una spregiudicata avventura. Sono a buon punto i contatti con imprenditori economici russi e cinesi che sponsorizzeranno in modo robusto la nostra iniziativa. Del resto, proprio in questi giorni gli operatori cinesi hanno dimostrato in Italia di essere pronti ad investire centinaia di milioni di euro nel calcio italiano. Siamo convinti – conclude il procuratore sportivo della Federazione calcio, Alessio Sundas – che, oltre a creare nuovi posti di lavoro, esportando l’alta professionalità italiana, potremo coltivare e scoprire nuovi campioni del futuro da valorizzare e lanciare nel calcio internazionale. Troppi bravi atleti asiatici spesso non riescono a decollare proprio per mancanza di una adeguata guida sia tecnica che manageriale. Invitiamo tutti coloro che fossero interessati a questo progetto professionale a contattarci attraverso i nostri siti internet www.sportman.info

www.procuratorisportivi.eu”.