8 dicembre 2016

Ladispoli, M5S: “Sull’auditorium vogliamo vederci chiaro”

 

Apprendiamo, da un recente comunicato dell’Amministrazione comunale, di un prossimo bando riguardante l’Auditorium Massimo Freccia. L’obiettivo sarebbe il completamento dell’opera e la destinazione a “cinema-teatro, attraverso un project che si completerà entro il corrente anno”.

Siamo purtroppo di fronte all’ennesima opera pubblica avviata a Ladispoli senza giungere mai a conclusione (in testa all’elenco il Centro di Aggregazione Giovanile e il ponte ciclo-pedonale sul Sanguinara). Evidentemente si continuano a realizzare strutture senza relativi piani finanziari e risorse a copertura, vivacchiando nella speranza di reperire, primo a poi, qua o là, i soldi necessari al completamento. Questo è purtroppo il frutto di una mancanza di progettualità, di una visione complessiva e dell’improvvisazione e incapacità che impera nella politica locale; in una parola: malapolitica.

Per l’Auditorium siamo giunti al secondo bando di gara. Il primo, scaduto alcuni mesi fa, addirittura non ha registrato l’interesse di alcun soggetto privato, andato mestamente deserto. Per il secondo bando si punterebbe nuovamente ad un accordo pubblico-privato per la realizzazione di un cine-teatro, non meglio definito.

Proprio in questi giorni la nostra città ha avuto notizia della prossima chiusura anche dell’ultimo dei 3 cinema una volta presenti, lo storico Cinema Lucciola, per far posto ad un nuovo spazio commerciale. Questo avverrebbe in seguito ad un cambio di destinazione d’uso del locale che il Comune concederebbe su richiesta dei proprietari; questione di cui stiamo approfondendo la legittimità dal punto di vista tecnico.

Di fronte a questa ulteriore perdita (ora i ladispolani saranno costretti a spostarsi decine di chilometri per andare al cinema), ancora di più ci preme avere chiarimenti sul futuro dell’Auditorium, proprietà dei cittadini di Ladispoli. Questa Amministrazione ha intenzione, pur di veder conclusa l’opera prima delle prossime elezioni, di barattare la fine dei lavori con l’affidamento della totale gestione dello spazio ad un privato? Lo diciamo chiaramente, siamo fermamente contrari a un’ennesima cessione di spazi pubblici ai privati; le famose “valorizzazioni” e “riqualificazioni” che celano vendite di terreni per realizzare supermercati, palazzine, fast food, per cedere a privati parte di giardini pubblici (vi annunciamo che succederà prossimamente) ecc.

Un’Amministrazione che ha a cuore la sua città e le persone che la abitano, queste scelte le compie solo a conclusione di un percorso partecipato e trasparente. Esattamente il contrario di ciò che avviene a Ladispoli. L’Auditorium deve essere uno spazio aperto, un bene comune fruibile attivamente, una struttura che accolga e valorizzi le realtà associative del territorio che si occupano di teatro, musica, danza ed anche, ma non solo, di cinema. Quello che faremo, qualora avremo l’onore di amministrare questa città, è confrontarci con i cittadini, con le realtà locali e decidere insieme cosa sia meglio per Ladispoli e chi la abita.

Seguiremo attentamente l’iter di questo bando, pronti ad impugnarne il testo qualora riscontrassimo proposte illegittime, regolamenti scritti su misura per qualcuno e altre irregolarità, come la gestione affidata ad un solo soggetto, chiunque esso sia. Inoltre chiediamo all’Amministrazione di fornire, in modo trasparente, i costi finora sostenuti e, se ne dispone, il piano economico-finanziario per il completamento dei lavori.

Questa città ha urgente bisogno di cambiare rotta, anche sul fronte della cultura, e di liberarsi di una classe politica immobile e incapace.

Movimento 5 Stelle Ladispoli

About Ruggero Terlizzi 2878 Articoli
Ruggero Terlizzi è il classico nerd, tecnologia, fumetti, videogames, serie tv e tutto quello che è classificabile nella categoria. È un ottimo disegnatore e ha sempre a portata di mano un taccuino dove fare qualche schizzo. Appassionato anche di auto ha tenuto la rubrica motori su Il Tabloid Motori e da settembre gestisce la rubrica Tech su Il Tabloid.it