9 dicembre 2016

Cassette di sicurezza: cosa c’è da sapere

 

Purtroppo, in questi ultimi 10 anni, i furti nelle abitazioni e negli uffici di lavoro sono aumentati a dismisura. Per questo motivo è diventata una reale necessità tutelare tutti gli oggetti di valore con un sistema di protezione efficace. Una delle alternative più praticate dai risparmiatori italiani è quella rappresentata dalle cassette di sicurezza.

Si tratta di contenitori dotati di doppia chiusura ermetica. In ogni cassetta è possibile introdurre tutto ciò che si reputa importante, ovvero: atti di compravendita, medaglie antiche, denaro, orologi, oro, anelli con diamanti, etc. I costi cassette di sicurezza non sono particolarmente onerosi e variano a seconda della grandezza. In media, un canone annuo non supera i 70-80 euro.

Per attivare il servizio e poter disporre di uno spazio nel caveau, non occorre disporre di un conto corrente presso l’istituto cui avete scelto di rivolgervi e non sono previste particolari lungaggini burocratiche. La modalità è molto semplice: basta sottoscrivere un contratto di locazione con l’azienda che offre tale servizio e la cassetta risulta disponibile nell’arco di pochi giorni o, in molti casi, anche nell’immediato.

Ad ogni modo, rivolgersi allo stesso istituto presso cui avete già attivato un conto corrente può rendere l’iter ancora più snello e rapido e, in molti casi, sono anche previste tariffe vantaggiose per vecchi clienti che hanno deciso di integrare anche il servizio di custodia.

Il contratto di locazione ha una durata di 12 mesi, ma per chi ha esigenze un po’ diverse è possibile stipulare anche contratti per periodi più brevi, della durata minima di almeno 3 mesi.

Molti risparmiatori italiani, soprattutto fino a pochi anni fa, hanno scelto di custodire beni e anche liquidità presso cassette di custodia di istituti svizzeri, rassicurati dalle politiche bancarie del Paese al di là del confine. Oggi una scelta simile non avrebbe molto senso, data anche la modificazione delle normative sullo spostamento di capitali e sul segreto bancario. La cassetta di sicurezza resta la migliore soluzione per proteggere preziosi che, viceversa, verrebbero custoditi in casa propria, per tutto il resto, meglio guardare ad altre tipologie di servizi.