5 dicembre 2016

Roma – Meccanismi clientelari, Avv. Pellegrino: “Gestione Alemanno ha favorito clientela anzichè combatterla”

Il sindaco di Roma, Gianni Alemanno, in una foto d'archivio. ANSA/MASSIMO PERCOSSI

L’Avv. Giorgio Pellegrino del Movimento Difesa del Cittadino è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano”, condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

“Il problema che ha Roma è che da un lato ha un’organizzazione amministrativa simile a un piccolo comune e dall’altro gestisce interessi economici pazzeschi –ha affermato Pellegrino-. Questo fa sì che il sistema di appalti viene gestito senza un controllo e spesso c’è una gestione clientelare degli affidamenti. Alemanno dice che è impossibile governare bene Roma a causa della gelatina della macchina amministrativa, è sicuramente difficile ma la sua è una giustificazione. L’enormità della gestione delle risorse e la grandezza della città fa in modo che non ci siano sentinelle. C’è bisogno di un surplus di trasparenza, da parte dei cittadini e dell’autorità di controllo. La corruttela diffusa di mafia capitale derivava da accordi di vasta scala con ripartizione di pubblici affidamenti. Una ricetta non ce l’ha nessuno, c’è bisogno di gente autorevole che si imponga sulla macchina. Qui invece la macchina amministrativa innesca clientela, come avvenuto in Ama ai tempi di Panzironi. Un giorno prima che entrasse in vigore la legge dell’obbligo dei concorsi, vennero assunte 40 persone tutte persone riconducibili a meccanismi di parentela con il ceto politico. L’attuale presidente dell’Ama dimostra come sia possibile una gestione virtuosa anche di queste strutture. Roma ha un deficit accumulato da anni, se vuoi dare un minimo di servizi decenti ai cittadini devi essere ancor più virtuoso nella gestione. In chiusura del libro Alemanno dice che ha dovuto accontentare le correnti del Pdl. Questa ad esempio è una cosa che non bisogna fare. La scelta che ha fatto Berlusconi di appoggiare Marchini è la prima sensata da quando è in politica. Ma Marchini deve stare attento a non farsi condizionare. Giachetti deve fare i conti con un Pd in cui, come dimostra la Campania, c’è un meccanismo di gestione cinica del potere. Il ceto dirigente è malato perché la sua base non è virtuosa quanto dovrebbe essere”.

Fonte: Radio Cusano Campus