8 dicembre 2016

Fico: “La libertà d’informazione nel nostro Paese continua a essere a rischio “

La libertà d’informazione nel nostro Paese continua a essere a rischio e il quadro che dipinge l’ultimo rapporto di “Reporters sans frontières” è impietoso: l’Italia perde altre posizioni rispetto all’anno precedente e si colloca al 77° posto, fanalino di coda dell’Europa. Il Rapporto è basato su una serie di indicatori: numero di giornalisti oggetto di minacce, presenza di conflitti d’interessi nel settore, grado di concentrazione dei media, e così via. Allargando lo sguardo ad altri studi, lo scenario non cambia. La Commissione europea svolge ogni anno un accurato monitoraggio per identificare i rischi per il pluralismo dell’informazione negli Stati membri (Media Pluralism Monitor). Nel rapporto del 2015 l’Italia era classificata come Paese ad alto rischio a causa del livello di concentrazione dei media, della presenza di gravi conflitti d’interessi e dell’eccessiva dipendenza del servizio pubblico radiotelevisivo dal Governo. Se osserviamo quanto accaduto nell’ultimo anno, la situazione si è ulteriormente aggravata: nel mondo editoriale si moltiplicano le operazioni di concentrazione (Stampa-Repubblica, Mondadori-Rcs, Mediaset alla conquista della radio); su conflitto d’interessi e soglie di concentrazione nei media nulla cambia, anche perché il Governo si regge sul Patto del Nazareno; la riforma della Rai mina seriamente l’indipendenza del servizio pubblico.
Di fronte a questo scenario sempre più fosco noi continuiamo a proporre le nostre soluzioni: un editore puro, una legge sul conflitto d’interessi, un servizio pubblico che risponda esclusivamente ai cittadini. Per liberare il nostro Paese dobbiamo soltanto mandare a casa questo Governo insieme ai suoi occulti interessi.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5987 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.