6 dicembre 2016

Caso Regeni, Bracconeri schock: “Se tu non vai a dare fastidio a nessuno, nessuno ti da fastidio”

Fabrizio Bracconeri dopo aver pubblicato sul proprio profilo twitter un post che ha fatto particolarmente discutere sul caso Regeni, è intervenuto questa mattina su Radio Cusano Campus, l’emittente dell’Università degli Studi Niccolò Cusano (www.unicusano.it) , nel corso del format ECG Regione, condotto da Roberto Arduini e Andrea Di CIancio.

Per nulla propenso ad un cambio di direzione. Bracconeri parlando del caso Regeni si è lasciato andare a dichiarazioni decisamente pesanti: “Si sono indignati per il mio tweet? Solo perché nessuno ha il coraggio di dire le cose come stanno. Uno che ha 28 anni e va a fare il ricercatore, ma ricercatore di cosa? Che s’è annato a ricercà in Egitto? Perché non è andato pure in Cambogia e in Cina? I Che Guevara moderni non li capisco, questa è gente che va lasciata con i governi che si merita, è inutile che noi vogliamo cambiare gli stati, aprire tutti i concetti mentali della gente, purtroppo non è così, ci sono stati che devono stare sotto dittatura. A nessuno piace l’infibulazione ma purtroppo in alcuni posti è una tradizione, che possiamo fare, vogliamo cambiare le regole a casa degli altri se neanche le cambiamo a casa nostra? Che cosa è andato a fare Regeni in Egitto, uno che dice che fa il ricercatore poi scrive per il Manifesto, ma che vai a fare, tu lo sai che lì c’è il delirio, non è che sono normali. Se tu non vai a dare fastidio a nessuno, nessuno ti da fastidio. Era lì per motivi di studio? Ma vai a studiare in Inghilterra, in Francia, in America, dove non ci sta sto rischio. Un proverbio dice che se per certi mari vari, certi pesci prendi. Ma ndo vai, che vai a ricercà la politica in Egitto, che se stanno a ammazzà? Questi che vanno a cercare di cambiare il mondo negli stati islamici, ma che ce vanno a fa? Questi so fatti così. E’ uno che è andato lì, ha fatto ricerche forse pericolose e si è trovato nei casini. Però degli operai che hanno ammazzato nessuno lo dice. Io sono contrario ai Che Guevara, se tu sei nato in Argentina non andare a rompere i coglioni a Cuba per fare la rivoluzione, falla a casa tua la rivoluzione”.

AUDIO http://www.radiocusanocampus.it/podcast?prog=1517&dl=7672

Fonte: Radio Cusano Campus