10 dicembre 2016

Roma – Storace a tutto campo su Meloni, Lotito e Mogherini

©AlessandroParis/Lapresse Roma 04-04-2008 poitica Il caffe di Sky intervista Francesco Storace Nella foto: Francesco Storace

 

Francesco Storace, candidato sindaco de La Destra, è intervenuto questa mattina su Radio Cusano Campus, l’emittente dell’Università degli Studi Niccolò Cusano, nel corso del format ECG Regione, condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio.

Sugli ultimi sondaggi Francesco Storace è stato critico: “Giorgia Meloni a 5 punti dal ballottaggio? Sì, il sondaggio l’ho visto, poi ho visto pure la fattura però. Sono sondaggi commissionati. Se avessero un minimo di attendibilità darebbero risultati di tendenza simili. Invece cambiano di volta in volta a seconda di chi li chiede. Numeri a caso, sono sondaggi fatti dalla famosa ditta PEF, pizza e fichi. I romani sono tristi, non vedono una prospettiva. La candidata più accreditata spara scioccate su Acea, quello del PD supplica il partito di portarlo ma già si rende conto che l’hanno mollato, mentre a destra c’è una commedia mai vista “.

Francesco Storace, poi, ha commentato la polemica nata dalle lacrime di Federica Mogherini: “Francamente sono rimasto basito da questa polemica, forse sono all’antica. Se uno si commuove indica una emozione. Magari può aver finto, ma che si chiedano le dimissioni per una persona che piange mi pare assurdo. Anche Obama ha pianto una volta, che facciamo lo cacciamo dalla Casa Bianca? Io non chiedo le dimissioni perché uno si emoziona. Chiedo le dimissioni perché uno è inefficiente. Qualunque persona dotata di umanità può emozionarsi. Forse avrei pianto anche io, se avessero bombardato la Pisana, dove sto tutti i giorni”.

In chiusura da Francesco Storace un commento su Claudio Lotito: “Se ha provato ad entrare in politica? Un sacco di volte, ma è stato sempre respinto con perdite. Nessun partito lo ha preso perché ha dimostrato quello che vale: è un chiacchierone e inconcludente. E’ vero che in politica c’è spazio per i chiacchieroni e inconcludenti, ma uno in più sarebbe stato invasivo”.

Fonte: Radio Cusano Campus