11 dicembre 2016

Inps, Airaudo: “I dati confermano che il boom assunzioni è stato drogato dagli incentivi”

Brusco risveglio per l’occupazione quello registrato dall’Inps nei nuovi dati diffusi oggi nell’Osservatorio sul precariato. A gennaio 2016, primo mese con in vigore la decontribuzione per i neoassunti ridotta da 8060 a 3.250 euro all’anno (e per una durata biennale), il saldo tra attivazioni e cessazioni di contratti a tempo indeterminato, al netto delle trasformazioni, segna per la prima volta da molto tempo un dato negativo: -12.378. Assumere in modo stabile da quest’anno conviene molto meno, e la fiammata dei nuovi contratti di lavoro registrata lo scorso anno comincia a diminuire di intensità.

«Come abbondantemente previsto il boom delle assunzioni era drogato dagli effetti degli incentivi. Il governo ha usato sgravi fiscali per 3 miliardi senza invertire la direzione della nostra occupazione. Insomma la decontribuzione è stato un “regalo” alle imprese senza la contropartita di assunzioni stabili come dimostrano i dati Inps di oggi. Siamo di fronte ad una bolla speculativa sul lavoro che esploderà alla scadenza degli incentivi». Lo afferma Giorgio Airaudo, componente commissione Lavoro di Montecitorio commentando i dati dell’Inps.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5996 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.