6 dicembre 2016

Francofilm Festival, l’invervista all’attrice belga Lucie Debay “Melody”, alla ricerca dei sogni perduti

 

Un sabato di marzo pazzerello, ora ombroso, ora sereno. Una jeune fille seduta sulla poltrona. Mi presento:”Enchantè”.”Enchantè”. Lucie si è fatta carico di un personaggio difficile, penoso. Una donna che vuole aprire un salone di parrucchiera. Ha un sogno e per farlo decide intraprendere la procreazione assistita, in cambio del danaro. Il tema dà la cifra di un duro lavoro dell’attore: cedere il proprio corpo al personaggio che a sua volta cede il proprio.

Chi fa chi e come lo fa? Pensando al “come” viene in mente che, oggi, l’ attore si è trasformato in una macchina (non di certo le tipizzazioni dei grandi clown come Charlot o del grandissimo nostrano Petrolini) che si fotocopia, si fotocopia, e si allontana  sempre più dal  personaggio che fu  vera divinità sempiterna, lontano anni luce dalle teorie di  Diderot  che nel  “Paradoxe sur le comedien” distingueva l’”acteur” dal “comedien”. Il vero attore, per  Diderot , crea  non  imita. Eppure tutta la recitazione moderna, nel cinema soprattutto, è basata sul metodo Stanislavsklij, sviluppato dal celeberrimo Actors Studio che, dal 1947, insegna  a recitare agli attori di Hollywood. Resta il dilemma del come un grande maestro  di teatro francese mi disse: “Ricorda per per essere un grande comedien (accezione superiore in base a Diderot) devi essere metà attore  e metà personaggio.” Crediamo che questa sia la massima aspirazione per un giovane artista, la recherche, a partire da sè! Questo per il “chi “fa! Dal canto suo la Lucie ha frequentato giorno e notte, per un anno intero, i saloni dei parrucchieri per osservare come si muove una parrucchiera e  soprattuto la postura di  una donna incinta. Un esercitarsi, prima dell’inizio del lavoro sul set, durato un anno. Sentiamone i frutti dalla sua viva voce.

(Traduce per noi, in italiano, madame Delisle)

Le sue esperienze artistiche in teatro e cinema.

Sono varie e ciascuna differente. Dal teatro classico allo sperimentale. Ora mi concentro sulla carriera cinematografica

È stato importante vincere un premio al  Festival Internazionale del Film Francofono di Ramur per il cortometraggio “Una nuova vecchia storia?”  

Certamente. Ricevere un  premio aiuta molto. Infatti poi ho girato il lungometraggio “Melody” ora in concorso al Francofilm per la nazione Lussemburgo. Riguardo il cinema lussemburghese vi sono coproduzioni franco-lussemburghesi.

Parliamo del suo personaggio Melody

Il personaggio di Melody si trasforma psicologicamente e mentalmente. Mi ha trasformata via, via. Il lavoro con la mia collega attrice è stato molto intenso. Ringrazio il regista Bernarde Bellefroid per avermi fatto lavorare con lui.

Dove avete girato il film?

Una prima parte in Lussemburgo, poi il personaggio cambia ambiente e siamo andati a girare in Bretagna. Abbiamo vissuto bene la vita quotidiana e il set .

Un aneddoto particolare vissuto sul set?

Sicuramente indossare la protesi per la gravidanza: per un’attrice che non ha mai partorito può essere impressionante.

Finisce l ‘intervista. È l ‘ora del té. L ‘emozione traspare. La maternità scenica lascia dei segni: figuriamoci se, nella realtà, una giovane donna dovesse, come il personaggio del film, portare in grembo un figlio non suo.
Bon  Chance Lucie.

Maria Chiara D'Apote
About Maria Chiara D'Apote 60 Articoli
Laureata in Lettere presso il Dipartimento di "Italianistica e Spettacolo "della Università "La Sapienza di Roma". Si occupa da anni di Teatro,Cinema,Poesia,Pittura. Dal 1986 fa insegnamento Primario e Didattica dello Spettacolo per bambini, in una visione olistica,sistemica, dell' Essere Umano. Ha pubblicato articoli sul quotidiano socialista Avanti! (avantioline). Dal Gennaio 2016 scrive sul giornale  Il Tabloid, pubblicando articoli nella rubrica Cinema e Spettacolo.