4 dicembre 2016

Calcio – Serie A, le dichiarazioni dei rossoneri nel post partita di Chievo-Milan

MISTER NENAD SAKIC
“Secondo tempo abbiamo fatto meglio del primo. Siamo stati organizzati, mentre è mancato il cinismo. Se avessimo vinto non avremmo rubato. Abbiamo avuto poca fortuna. Menez arriva da un infortunio grave e si è sacrificato oggi. Luiz quando è entrato ha fatto benissimo, andando a pressare anche i loro centrocampisti. Bacca si sacrifica sempre. L’atteggiamento è stato buono, mentre sull’approccio siamo stati sfortunati.
Mai mollare e bisogna preparare le partite al meglio, allenandosi al massimo. Mancano 9 partite e 27 punti in gioco. Guai a rilassarsi e non abbassare la guardia”

CRISTIAN ABBIATI
“Mi spiace per Gigio, ma ho saputo che sta bene e da domani riprende con noi gli allenamenti. Oggi eravamo pronti, avevamo preparato la partita in un modo poi dopo il riscaldamento abbiamo dovuto cambiare tutto. Sono cose che succedono. Abbiamo fatto un secondo tempo migliore del primo però così non va bene perchè se eravamo contenti per i 9 risultati utili consecutivi era comunque il minimo che puoi fare quando giochi nel Milan. Il Campionato è lungo ma bisogna dare il massimo e cercare di raggiungere le squadre che avevamo davanti. Queste ultime due partite non mi stanno bene, non mi vanno giù. Dobbiamo migliorare l’atteggiamento, non possiamo subire nei primi 20 minuti così tanto una squadra avversaria. Siamo il Milan, quando arrivi al Milan non sei arrivato da qui si parte. E’ giusto rialzare l’attenzione. Menez viene da un infortunio grave, Luiz è stato fermo per tanto ma stanno rientrando in condizione”.

NENAD SAKIC (CONFERENZA STAMPA)
“Sapevamo che il Chievo cerca sempre le palle lunghe e che sulle palle inattive e punizioni sono molto forti, non abbiamo sofferto più di tanto. Sappiamo che Menez arriva da un grave infortunio e non è ancora al 100% ma ha cercato di sacrificarsi, Carlos è un giocatore molto bravo in area di rigore e sicuramente se arriva qualche pallone in più avrebbe fatto magari gol. Donnarumma ha preso un colpo, ora farà gli accertamenti e speriamo per lui che non sia nulla di grave”.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5930 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.