9 dicembre 2016

Nicola Morra attacca il PD: “Da adesso in poi dirò “faccia da Orfini”

 

Nicola Morra, senatore del Movimento Cinque Stelle, è intervenuto ai microfoni di Radio Cusano Campus,l’emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it) , nel corso del format ECG Regione, condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio.

Morra ha commentato le primarie del Pd parlando sia di Napoli che di Roma: “Non solo Napoli, anche aRoma c’è stato qualcosa di poco chiaro. Un esponente del PD romano ha dichiarato al Messaggero che sarebbero state gonfiate virtualmente le schede bianche e le schede nulle, giusto per far gonfiare la partecipazione complessiva al voto, come se l’esigenza fosse recuperare altri 3 o 4000 votanti, che poi sarebbero stati votanti folli, perché se qualcuno va alle primarie ci va per votare qualcuno, non per astenersi, tra le altre cose anche pagando. Francamente rilevare questo dato la dice tutta sulla serietà delle primarie romane. A Napoli, invece, ci sono dei video che parlano chiaro. Chiederei ai vertici del PD napoletano e quindi anche a Valeria Valente,di esser lei a farsi attrice di un processo di rivisitazione del tutto, o anche di far rivotare gli attivisti e gli iscritti. Se uno non ha problemi di sorta, accetta tranquillamente di essere sottoposto di nuovo al vaglio elettorale. Se la Valente ha la coscienza pulita, possono tranquillamente rifarsi le primarie“.

Nicola Morra fa riferimento anche a casi passati: “Un gruppo che si dilania per l’elezione di un candidato a sindaco, non potrà mai essere animato dalla volontà di combattere per il bene della città. Le stesse dichiarazioni di Bassolino rivelano che a Napoli c’era una sorta di guerra tra Bande. Questo mi ricorda la vicenda di Sergio Cofferati in Liguria. Le primarie del PD danno sempre vita a polemiche, vengono puntualmente beccati cinesi al seggio, rom che fanno la fila e altre situazioni assurde che poi vengono brillantemente usate da Crozza per creare delle pantomime esilaranti. Se le premesse da cui devono essere estrapolati gli uomini con cui offrirsi alla città son queste, sono delle premesse debolissime”.

Nicola Morra ne ha anche per Matteo Renzi: “Mi chiedo se recuperare serietà e credibilità sia l’obiettivo diun Presidente del Consiglio che per  ragionare di una eventuale partecipazione italiana agli interventi militari in Libia, piuttosto che venire presso le Camere, preferisce andare dalla D’Urso. Crozza da questo punto di vista è stato meraviglioso quando ha ricordato che mentre Renzi era a Domenica Live, il suo elettorato era a Chi l’Ha visto e il Pd napoletano era a Ok il Prezzo è giusto. Così si rende la politica sempre più un qualcosa di risibile”.

Su Giachetti: “Qualche mese fa disse che non si sarebbe mai candidato a sindaco di Roma, perché servono delle competenze che lui stesso disse di non avere? Alle parole bisognerebbe far seguire i fatti, in politica troppe volte aver memoria diventa un handicap. Io e tutti i colleghi del Movimento Cinque Stelle ci sforziamo di avere e conservare la memoria. Il Pd romano è alla disperata ricerca di un qualcuno da immolare a un eventuale ballottaggio. La figura di Giachetti, che ha un’immagine meno sbiadita di tanti altri suoi colleghi, è la figura che il Pd ha deciso di offrire di offrire al Pd romano, quello stesso PD che Marianna Madia, l’attuale ministro della funzione pubblica, reputava una sorta di associazione a delinquere organizzata per bande”.

Sulle dichiarazioni di Orfini: “Qualche tempo fa si arrabbiava con chi diceva che il Pd era invischiato in mafia capitale, mentre qualche giorno fa ha fatto riferimento al Pd di mafia capitale per giustificare il flop di affluenza alle primarie? Non userò eufemismi, faccio mia una proposta che leggevo sui social,  sostituire quel famoso epiteto ‘faccia da c..o’ con ‘faccia da Orfini“. Potrebbe essere una nuova definizione. Piuttosto che faccia da c… potremmo dire faccia da Orfini, per indicare una sfrontatezza che non ha limiti”.

Audio http://www.radiocusanocampus.it/podcast/?dl=7228

Fonte: Radio Cusano Campus