3 dicembre 2016

Un Napoli spettacolare si laurea campione d’inverno

La squadra del paese del sole si laurea campione d’inverno grazie ad una roboante vittoria in casa del Frosinone per 5-1 e la contemporanea frenata di Inter e Fiorentina. Inaspettata quanto dolorosa l’ennesima battuta di arresto dei neroazzurri milanesi che negli ultimi sei turni di campionato collezionano tre sconfitte perdendo non solo il comando della classifica ma si fanno recuperare, anche, nove punti in meno di due mesi dalla Juventus  che non sperava in tanta grazia  neanche nei sogni più arditi ; a preoccupare la tifoseria milanese non è solo la difficoltà,  ormai cronica, di andare in goal di un attacco a dir poco stitico ma anche la mancanza di validi schemi, problemi che, se Mancini non proverà a risolvere rapidamente, non porteranno certamente allo scudetto. Battuta di arresto anche della Fiorentina che affronta in modo forse troppo superficiale una Lazio per nulla trascendentale; la contemporanea assenza di Ilicic e Bernardeschi in avanti, mal compensata da sostituti non all’altezza, non basta a giustificare la sconfitta e  dimostra come l’organico dei viola necessiti di essere rimpolpato con acquisti di qualità, nel mercato invernale, se si vuole continuare a cullare speranze tricolori. La Juve liquida, con le buone e con le cattive, la Sampdoria, inanella il nono successo consecutivo ed aggancia Inter e secondo posto;  la straordinaria collezione di successi  della squadra di Allegri provoca il panico tra le rivali che , ad una ad una, sembrano quasi  inchinarsi e cedere il passo all’armata bianconera  considerata, ormai, dagli addetti ai lavori, la candidata più autorevole alla conquista dello scudetto. La Roma, dividendo la posta in palio con il Milan, perde ancora terreno e sprofonda nel caos più totale; voci, neanche tanto di corridoio, parlano di un Pallotta infuriato che dagli States chiede di accelerare le pratiche di licenziamento dell’allenatore; sembra proprio che il soggiorno di Rudi Garcia sotto il cupolone sia giunto al termine e con esso il progetto del duo  Baldissoni-Sabatini  che tanto avevano puntato sull’allenatore francese. Dulcis in fundo la capolista Napoli che dal 1990 non provava il brivido dello scudetto d’inverno: gli azzurri di Sarri danno una dimostrazione di forza a Frosinone legittimando il primato con un risultato più che rotondo che non ammette dubbi. Il Napoli è attualmente la squadra che ha l’organico più forte, completa, coesa e spettacolare della serie A, vederlo giocare è una gioia ; goal come quelli segnati ieri pomeriggio da Higuain dopo aver saltato tutta la difesa ciociara con la stessa grazia di uno slalomista tra i paletti , la rasoiata vincente di Hamsik al termine di  una cavalcata lunga  trenta metri  per finire con il tiro di Gabbiadini che  infila la palla  all’incrocio dei pali  quasi fosse disegnato da un compasso, sono perle calcistiche che il napoli sta regalando non solo ai tifosi partenopei ma a tutti gli amanti del calcio! Onore quindi al Napoli campione d’inverno, titolo che ai fini del risultato finale non conterà granchè ma che fa sicuramente bene all’umore dei napoletani .