4 dicembre 2016

Malammò per Natale a Napoli 2015

In occasione di Natale a Napoli 2015, lunedì 28 dicembre (ore 18 e 19:30) al PAN la giovane compagnia Te.Co. Teatro di Contrabbando sarà in scena con lo spettacolo Malammò, scritto da Valerio V. Bruner, con Chiara Vitiello, per la regia di Luigi Credendino.

Malammò è la storia di una donna. La vita di una prostituta, in cui si intrecciano sacro e profano, anelito di redenzione e bisogno di condanna. Una donna, il cui nome rimanda alla natura umana deformata, viscerale e perciò stupendamente vera, che si carica di significati salvifici e che assume i contorni della Maria Maddalena dei Vangeli, purificata da ogni componente di santità e vista nella sua crudezza destabilizzante. L’amore segnato per il Dio fattosi uomo si mescola alla storia di una donna emarginata. Lo scenario: una Napoli lontana nel tempo eppure fortemente attuale, fatta di “vasci” e “fondaci”, grotte buie e candele morenti, dove la lingua non ha nulla di poetico né di oleografico, ma è dura, cruda e inquietante.

NOTE DI REGIA
Stracci di umanità che piovono dal cielo in un deserto di miseria pietosa. Una donna trova il coraggio nella disperazione, per sopravvivere alla solitudine, al vuoto. Affamata di carne e di piacere non fa altro che dirigersi verso una più accecante solitudine, assoluta e incolmabile. Poi una luce a renderle grazia. Gli occhi di un uomo più solo di lei, il figlio di Dio, che porta riflesso nello sguardo un solo sentimento, la pietà. Scaraventata nel bagliore di questa luce si ritrova a farne parte, ad accettare l’orribile sorte di appartenere a tutti. Alla fine di un viaggio passionale, abbandonata da chi l’ha salvata, per volere divino, si ritrova sola. Salvata, ma non dal peccato, non dalla condanna, non dalla morte, ma dalla felicità.
(Luigi Credendino)

PAN – Palazzo delle Arti Napoli
Via dei Mille n. 20
28 dicembre – ore 18 e ore 19:30

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5941 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.