4 dicembre 2016

Giulietto Chiesa: “Traffici Isis-Assad? Si può dire anche che l’Isis traffica con i marziani”

Giulietto Chiesa, giornalista e politico, è intervenuto alla trasmissione “Il mondo è piccolo”, condotta da Fabio Stefanelli, su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it) .

Sull’episodio legato a Pier Ferdinando Casini che ha corretto un’info grafica in diretta su Skytg24. L’ex presidente della Camera ha giudicato la cartina sui traffici di petrolio dell’Isis ineccepibile, aggiungendo però che devono essere prese in considerazioni anche altre ipotesi, come quella di un traffico diretto di greggio verso Damasco. “Si può anche ipotizzare che ci sia un traffico di petrolio tra l’Isis e i Marziani –ha commentato ironicamente Chiesa-. E’ possibile qualunque dire qualunque variante. Casini dovrebbe spiegare per quale motivo l’Isis taglia a pezzi i soldati dell’esercito regolare siriano. C’è qualcosa che non funziona in questa narrazione. Ogni volta che succede qualcosa che non va bene alla stessa Coalizione occidentale esce fuori sempre una versione più o meno strampalata che giustifica tutto. Secondo loro Assad è il dittatore sanguinario che si mette d’accordo con l’Isis che vuole far cadere Assad e gli sta facendo la guerra da anni. Qualcuno mi deve spiegare questa logica. Magari Casini ha delle fonti segrete degli Stati Uniti che lo autorizzano a fare queste diversioni informative. Si tratta di una squallida operazione di notizie false e tendenziose, finalizzate a turbare le coscienze degli italiani. Le fonti russe danno notizie certe, è dimostrato che la Turchia fa traffici di petrolio con l’Isis”.

Sull’invito della Nato al Montenegro. “La decisione è stata presa già nel 2009 –ha affermato Chiesa-. La novità sta nella tempistica. Hanno scelto il momento in cui la Nato è al più basso livello di popolarità in Europa perché moltissimi hanno capito che la vicenda della Turchia, alleato della Nato, che abbatte un aereo russo per creare una contrapposizione diretta con la Russia che è l’unico Paese che sta bombardando veramente l’Isis. In questo momento la Nato sceglie di accelerare improvvisamente e di far entrare un Paese che non conta niente per gli equilibri europei e dice che vuole costruire un’Europa che sia compattamente nell’area atlantica. Vuol dire lanciare un messaggio: andiamo avanti nell’accerchiamento della Russia. E’ un segnale che la Nato si schiera con la Turchia e che gli Stati Uniti non demordono dalla loro offensiva scatenata l’anno scorso contro la Russia, con il colpo di Stato filonazista organizzato a Kiev. L’obiettivo americano è destabilizzare l’Europa in chiave antitedesca. Vogliono un’Europa debole soggetta completamente agli Stati Uniti. Tramite la Nato vogliono controllare tutti i governi europei”.

Sull’ipotesi di un attacco di truppe di terra degli Stati Uniti contro l’Isis. “Gli americani sono già sul territorio da tempo insieme agli inglesi –ha spiegato Chiesa-. Probabilmente, all’insaputa di Obama, hanno già piazzato i loro istruttori militari. I servizi segreti sono in azione da tempo, ora arriveranno anche i soldati che comanderanno le brigate delle cosiddette formazioni ribelli moderate, ovvero i cosiddetti terroristi moderati. La Russia, in un mese di bombardamenti, ha praticamente decimato il potenziale militare dello Stato Islamico. E a questo punto gli Usa cercano di rimettere in piedi queste formazioni sparse di tagliagole che saranno inquadrate nelle operazioni militari degli Stati Uniti e della cosiddetta coalizione. E’ chiaro che l’operazione è questa. Se non fosse così, avremmo già visto l’aviazione americana entrare in azione, cosa che invece non è avvenuta. Per questo è da ritenere che gli Stati Uniti vadano là per sostenere i cosiddetti ribelli moderati, che sono quelli di Al Nusra, ovvero Al Qaida, formazioni che l’Onu considera terroriste. Quindi l’occidente dimostra di stare dalla parte dei terroristi”.

Fonte: Radio Cusano Campus