10 dicembre 2016

Albano Laziale – Roncigliano, l’inceneritore non si farà!

 

Il presidente Zingaretti onora gli impegni presi nel mese di maggio e, di fatto, blocca la realizzazione dell’eco mostro che rischiavamo di trovarci nel nostro territorio. Con lo scadere di alcune autorizzazioni vincolanti per l’apertura dei cantieri, l’inceneritore a via Roncigliano non si farà; tutto questo grazie ad una lotta che da molti anni cittadini, associazioni ed amministrazioni comunali, ognuno nella sfera di propria competenza, hanno condotto senza cedere agli interessi che varie inchieste hanno svelato.

Una battaglia pesante, a tratti controversa, che anche il PD di Albano ha condotto al di là delle logiche di appartenenza, con un confronto serrato,  spesso con posizioni opposte rispetto ai gruppi dirigenti romani e regionali. Siamo soddisfatti e sollevati per il risultato ottenuto, ma noi qui ad Albano non possiamo considerare chiuso il capitolo Roncigliano. La discarica è ancora attiva e sussistono  tutti i problemi legati alla contaminazione dei terreni e all’inquinamento delle falde. Dobbiamo fare in modo che vengano garantiti controlli continui e puntuali, nonché monitorare il funzionamento dell’impianto per eliminare gli odori molesti.

L’impegno e la lotta per la difesa dell’ambiente non si fermano;  tutte le amministrazioni dei Castelli Romani, Albano in primis, devono accelerare i procedimenti per l’avvio della raccolta differenziata  e sono chiamate ad attivare altre buone pratiche per il Recupero, Riuso e Riciclo dei rifiuti.

Così in una nota il Partito Democratico di Albano Laziale