9 dicembre 2016

Terrorismo, Prof. Karaboue: “I terroristi non sono disperati sociali ma persone con conflittualità interiori”

Il Prof. Michele Ahmed Antonio Karaboue, docente di Diritto dell’immigrazione all’Università Niccolò Cusano e volto noto dei talk show politici, è intervenuto ai microfoni della trasmissione “Ho scelto Cusano” condotta da Gianluca Fabi e Livia Ventimiglia su Radio Cusano Campus, emittente dell’Università Niccolò Cusano (www.unicusano.it).

Riguardo la gestione dell’emergenza terrorismo da parte del Governo. “Penso –ha affermato Karaboue- che chi ha un incarico di governo  non debba ragionare con la pancia, ma con la testa. Sarebbe troppo semplice oggi fare proclami, chiudere le frontiere, indirizzare l’opinione pubblica verso una psicosi collettiva solo per prendere quello 0,1% in più di consenso. Dobbiamo avere un approccio responsabile ed oggettivo”.

Sull’immigrazione. “Parlando con Alfano –ha spiegato Karaboue- abbiamo riflettuto sulle dinamiche che hanno portato ai fatti di Parigi. Non possiamo pensare che immigrati armati possano sperare di passare i controlli sulle coste dopo gli sbarchi. Non abbiamo mai visto un migrante sbarcare e fare un attentato”.

“Non credo che i terroristi che hanno fatto gli attentati a Parigi siano dei disperati sociali –ha affermato Karaboue- ma piuttosto persone con conflittualità interiori. Ad animare questi atti c’è la convinzione sbagliata di dover agire in nome e per conto di un Dio che non gli ha chiesto di fare questo. Qui c’è un fondamentalismo delle idee, perché la religione islamica non ha un punto di riferimento come il Papa che possa indirizzare i propri fedeli. Ognuno quindi interpreta a modo suo il Corano. I terroristi comunque non hanno nulla a che fare con qualcosa di religioso”.

Fonte: Radio Cusano Campus