7 dicembre 2016

Rose is a Rose is a rose is a rose, di Ivana Sajko

Debutta il 20 Novembre per il 30ennale di Sala Assoli, dopo la prima nazionale al Teatro Lo Spazio di Roma e l’anteprima al Teatro “G.Verdi” di Muggia (Trieste) uno spettacolo multimediale, insolito ed emozionante dal titolo Rose is a Rose is a rose is a rose, di Ivana Sajko, per la regia di Tommaso Tuzzoli, con Sabrina Jorio e le scene curate dal pluripremiato Pierpaolo Bisleri.

Lo spettacolo costituisce il primo capitolo della trilogia della disobbedienza, un progetto ambizioso e importante dell’autrice croata Ivana Sajko, nata a Zagabria a metà degli anni 70 e già tradotta in tutta Europa. Gli altri due capitoli della trilogia, Scene con l’albero delle mele e Non siamo noi, è solo vetro, saranno sviluppati e realizzati entro il 2016 sempre dalla Golden Show Produzioni.

“Facevano l’amore come se si stessero picchiando”, è l’incipit della narrazione. La disobbedienza di Rose is a Rose … infatti, è l’amore. L’amore ai tempi del colera, scriveva Marquez, ma Sajko scrive di amore ai tempi della guerra. O meglio, di come l’amore entra nella guerra e la attraversa, ma anche di come la guerra attraversa l’amore modificandone il linguaggio e le aspettative. I toni sono quelli balcanici: romantici e crudeli contemporaneamente, con un lirismo colto ma immediato che è la cifra di questa giovane autrice che è stata recentemente nominata Cavaliere dell’Ordine delle Arti e della Letteratura in Francia.

La storia è semplice: un ragazzo e una ragazza si conoscono in discoteca. Ballano insieme per tutta la notte e poi decidono di andare a casa di lui. Durante il tragitto attraversano la città in guerra. Autobus in fiamme, cariche della polizia, e la violenza di quelle strade richiama altre fiamme, altre botte, come quelle di Genova in occasione del G8. Come se la guerra fosse un teletrasporto che collega tutti i paesi del mondo, un unico spaziotempo. Ma che succede quando due sconosciuti chiudono la porta di casa e si lasciano la guerra alle spalle? Quanta guerra entra nel loro letto? E che effetto fa l’innocenza di un sentimento, quando sboccia a dispetto di tutto?

Chiunque abbia amato Bonnie e Clyde, o Hiroshima Mon amour, o i libri di Murakami, non potrà che emozionarsi di fronte a Rose is a Rose (il titolo è una citazione di Gertrude Stein, ma anche di Shakespeare, perché c’è tanta letteratura e tanto cinema in questa rosa balcanica).

Lo spettacolo dopo il debutto romano sarà a Napoli al 30ennale di Sala Assoli dal 20 al 22 novembre, a Salerno e al Festival Wonderland di Brescia.

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5976 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.