5 dicembre 2016

Da Civita Castellana parte la nuova era della ceramica

Il bagno e l’igiene personale hanno accompagnato lo sviluppo delle civiltà e la storia dell’umanità. Trasportare, reperire o convogliare acqua presso i propri insediamenti è stato uno dei fattori che ha permesso alla razza umana di evolversi distinguendosi dagli altri animali.

La stessa importanza della scoperta della ruota e del controllo del fuoco per intenderci.

La storia del bagno è legata alla ceramica, la storia dell’arte della ceramica è legata a Civita Castellana. Ne abbiamo le prove con reperti archeologi del popolo falisco, per arrivare allo statuto comunale del 1556, in cui si rileva che fin dal XVI esisteva in città la “Corporazione dei Vascellari” a cui erano associati coloro che lavoravano l’argilla per utensili.

È nel secolo XIX che a Civita Castellana inizia una svolta economica ad opera di Giuseppe Trevisan, un imprenditore veneto che vi impianta le prime fabbriche di ceramica. Quella della ceramica è una vocazione antica, dovuta anche alla facile reperibilità dell’argilla presente nel luogo. Col passare degli anni, accanto al settore artistico si sviluppa anche quello industriale, che avrà il suo apice nel secondo dopoguerra. I settori di produzione sono i sanitari, seguono le stoviglierie. Nasce il distretto industriale che comprende anche i paesi limitrofi.

Inizialmente, il colaggio a è stata la tecnica più utilizzata per la produzione di sanitari in ceramica. Tuttavia, macchie e calcare, graffi e pesantezza, sono sempre stati  problemi impossibili da risolvere:

  • La ceramica tradizionale dei nostri bagni è sempre esposta a danni fisici e chimici, soprattutto quando vengono puliti. La ceramica è un materiale poroso e questo la rendo più soggetto a calcare e al deposito dello sporco.
  • Nonostante la progettazione e la tecnica produttiva ne influenza la renitenza all’abrasione, la ceramica tradizionale non è molto resistente a graffi e scheggiatura.
  • La ceramica tradizionale ha ingombri produttivi e i prodotti risultano pesanti e poco maneggevoli.

Poi, la tecnologia di fusione ad alta pressione ha offerto numerosi vantaggi , ma non ha risolto i noti problemi.

Ora possiamo finalmente abbandonare il concetto di ceramica tradizionale ed entrare nella nuova era della ceramica.

Macchie, graffi, pesantezza si sono rivelate un’opportunità per chi conosce profondamente la ceramica sanitaria e ha trovato una soluzione ingegnosa e allo stesso tempo semplice, utilizzando materie prime naturali con la sola aggiunta di acqua e fuoco.

Ceramica Althea di Civita Castella ha creato Plus+ton, superficie ceramica completamente anti-graffio, anti-macchia, anti-scivolo, anti-batterica che sostituisce la ceramica tradizionale e tutti i prodotti realizzati con resine e solventi.

Una innovazione che ha radici nella nostra terra. E’ partito dal nostro polo industriale il prodotto più rivoluzionario e innovativo che sia mai stato creato nel panorama della ceramica industriale fino a oggi. Chapeau.