3 dicembre 2016

Svezia, al via la giornata lavorativa di 6 ore

Spesso probabilmente ce lo domandiamo un po’ tutti: come sarebbe avere più tempo libero da dedicare a famiglia, sport e riposo?
La Svezia ha provato a fare diventare questa semplice curiosità una realtà tangibile, accorciando la giornata lavorativa dei dipendenti a 6 ore anzichè 8 nelle aziende e uffici pubblici.

L’iniziativa ha preso le mosse da Göteborg, dove il comune ha permesso la riduzione oraria anche nel pubblico impiego con risultati notevoli: più profitto, meno assenteismo e meno depressione con un vantaggio notevole per la sanità pubblica.
Qui il Comune ha deciso di introdurre la riduzione degli orari lavorativi anche negli uffici pubblici. E i risultati, almeno dal punto di vista dei lavoratori, sono eccellenti. Sono diminuite le assenze per malattia, e anche i casi di depressione si sono drasticamente abbassati. Dunque, ne ha beneficiato anche la sanità pubblica.

A Stoccolma invece un’altra azienda virtuosa è la Filimundus: 6 ore lavorative con un solo limite, niente social network per limitare inutili perdite di tempo.
Le otto ore lavorative non sono poi così effettive come si pensa”, afferma Linus Felds, l’amministratore delegato dell’azienda. “Rimanere fissi su uno stesso lavoro per otto ore è difficile. Per riuscirci, siamo soliti intervallare il lavoro con pause. E al tempo stesso facciamo fatica a gestire la nostra vita privata fuori dall’ufficio”.