Fratoianni: “Nel Regno Unito è iniziata la sperimentazione della settimana lavorativa di 4 giorni”

produzione



Nel Regno Unito è iniziata la più grande sperimentazione mai tentata della settimana lavorativa di 4 giorni: oltre 3000 lavoratori di 70 aziende passeranno per sei mesi da 40 a 32 ore settimanali, ma con lo stesso stipendio e un giorno in meno di lavoro.
Immagino che per tante e tanti, parlare di riduzione dell’orario di lavoro a parità di salario sia strano, soprattutto quando è così difficile trovare un’occupazione, ancor di più con una paga dignitosa.

Ma le due questioni sono strettamente collegate

La produzione di ricchezza è infatti sempre meno legata al lavoro umano ed è sempre più concentrata in poche mani. È quindi evidente perché questa sia una battaglia fondamentale.
Perché riduce la disoccupazione, redistribuisce la ricchezza e permette a lavoratori e lavoratrici una vita migliore, con più tempo per sé, i propri cari e i propri interessi, riducendo stress e disagio psicologico, oltre ad aumentare la produttività e far bene all’ambiente in cui viviamo.
Non esistono motivi sensati per non andare in questa direzione. Eppure, la proposta di legge che presentai anni fa a nome di Sinistra Italiana anni fa, non è mai stata, nemmeno, discussa. L’ennesima occasione persa di fare la cosa giusta.

var url291111 = “https://vid1aws.smiling.video//SmilingVideoResponder/AutoSnippet?idUser=1149&evid=291111”;
var snippet291111 = httpGetSync(url291111);
document.write(snippet291111);

Per una stampa libera


sostieni il nostro lavoro con una donazione

Le donazioni con PAYPAL sono sicure al 100%



Informazioni su Alfredo Di Costanzo 23721 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.