10 dicembre 2016

Roma – Mons. Fisichella: “Giubileo un’opportunità, Vespa-Casamonica, azione strumentale”

“Il Giubileo? Opportunità e provocazione per Roma, per rendere ancora più bella questa città. Polemiche Vespa-Casamonica? Già dopo il funerale alcuni esponenti di questa famiglia sono stati ospitati da varie trasmissioni. Il clamore di ora mi pare un po’ strumentale”

Sua Eccellenza Monsignor Fisichella, Presidente del Pontificio Consiglio per la Promozione della nuova era della evangelizzazione e coordinatore del Giubileo Per la Santa Sede è intervenuto questa mattina ai microfoni di Radio Cusano Campus, l’emittente dell’Università degli Studi Niccolò Cusano, durante il format ECG Regione, condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio.

Moltissime le tematiche toccate da Monsignor Fisichella, che ha parlato dell’ormai imminente inizio del Giubileo Straordinario convocato da Papa Francesco: “Dovremmo riportare l’evento al suo significato più profondo, che non sono le preparazioni infrastrutturali, ma la preparazione del cuore, della mente, di un evento spirituale che scuote, per far diventare nostro il patrimonio del termine misericordia. Davanti a questo passano in secondo ordine tutte le questioni legate alle strategie, alle strade, alle infrastrutture. Sono importanti, ma non possono oscurare il vero significato del Giubileo”.

In tanti pensano che il Giubileo Straordinario sia una mano tesa dal Vaticano verso Roma e l’Italia: “E’ una mano tesa verso ogni uomo che viene toccato da questo evento. La grande malattia degli uomini e delle donne di oggi, soprattutto nelle grandi città, è la salitudine. Nessuno, invece, dovrebbe sentirsi solo. Questo è il grande desiderio del Giubileo della Misericordia. L’annuncio del Giubileo dell’Anno Santo deve essere capace di toccare il cuore delle persone. Poi certamente ci sono anche le questioni strutturali, legate alla viabilità, ai trasporti, il desiderio di rendere Roma, che è già bella, ancora più bella. Però questa è una dimensione secondaria. Di contorno.Con le Istituzioni con cui mi sono confrontato, Governo Italiano, Regione Lazio e Amministrazione Capitolina, ho sempre trovato profonda attenzione e grande spirito di collaborazione, questo coniugato anche con le oggettive difficoltà in cui il Paese si trova per la crisi economica, che non è una questione secondaria. Da questo punto di vista questo Giubileo è molto diverso da quello del 2000, che fu caratterizzato da grandi opere e da grandi lavori”.

Roma non sta passando un momento facile, tra mafia capitale e le polemiche che imperversano sul caso Casamonica. Il Giubileo può essere una occasione: “Il Giubileo è una opportunità e una provocazione. Una opportunità per rimettere esteticamente in sesto la nostra città ma anche una provocazione che deve giungere a tutti i cittadini romani che sentono la responsabilità di appartenere a questa grande città. Una provocazione positiva, a uscire da quella forma di indifferenza e violenza quotidiana cui si assiste nelle nostre strade, per il caos del traffico, per tutto ciò che comporta lo stress che ognuno si porta con sé”.

Sul fenomeno dell’immigrazione e sul ‘salvinismo’: “Ogni forma che estremizza una situazione non vedendola, non collocandola in un contesto di profonda crisi internazionale, rischia di cadere in forme di fondamentalismo che non hanno senso. Ci sono forme di fondamentalismo che noi assumiamo davanti alla realtà, prendiamo una parte di verità e la portiamo all’estremo. Non è più verità. Certi politici dovrebbero stare più attenti alle proprie espressioni? Certamente! Hanno una responsabilità pubblica, devono essere capaci di controllare il proprio linguaggio ed essere consapevoli che le espressioni che utilizzano possono provocare delle reazioni tra la gente che ascolta”.

Sulla polemica che ha travolto Bruno Vespa dopo la puntata dedicata ai Casamonica: “Ho seguito questa vicenda soltanto attraverso i giornali, mi sembra che alcuni soggetti di questa famiglia fossero stati già intervistati a lungo dopo l’episodio legato al funerale senza che nessuno abbia detto nulla. Per questo il clamore di ora mi sembra un po’ strumentale. Comunque, prima cade il silenzio su questo, meglio sarà per tutti”.

Sull’appello del Papa alle parrocchie di ospitare una famiglia di profughi: “Proprio ieri ho parlato con il Santo Padre. Mi ha esplicitato il suo pensiero. Ogni parrocchia deve essere capace di questo. Le famiglie vanno ospitate non necessariamente in parrocchia, perché a volte non ci sono le sistemazioni neanche per i sacerdoti, ma nel quartiere, bisogna trovare una sistemazione. L’appello del Papa è un appello alla responsabilità, se nel piccolo ognuno fa qualche cosa la goccia diventa veramente un oceano”.