4 dicembre 2016

Calcio – Queste le dichiarazioni rilasciate nel post partita di Milan-Empoli

ADRIANO GALLIANI
“Il secondo tempo l’ho visto in tv negli spogliatoi. Partita sofferta, poi per fortuna sono rimasti i tre punti, la sofferenza passa e si dimentica, e i tre punti sono la cosa molto positiva della serata. Il primo gol è una intuizione di Adriano per Bacca dove quest’ultimo è molto bravo a segnare. Sul secondo gol è ancora di testa Luiz Adriano. L’anno scorso non era mai successo. Questo mi fa capire quanto siamo migliorati tanto davanti.
Dobbiamo capire come migliorare il gioco in mezzo al campo. Credo che l’allenatore sia bravo e troverà un sistema per far partire più gioco. Abbiamo 15 giorni di lavoro davanti. Contro l’Inter giocheremo domenica 13 settembre e credo sia a centrocampo dove dovremo migliorare. Abbiamo tanti difensori di qualità, così come attaccanti, ma abbiamo qualità anche in mezzo al campo, e credo dovremo farla tirare fuori. Credo che sia il reparto dove ci sia di più da lavorare. Il mister troverà i giusti correttivi, ne sono convinto.
Teniamoci stretti questi tre punti. Fondamentali e importanti per vivere tranquilli questi prossimi 15 giorni.
A Firenze, senza espulsione, il match sarebbe andato in maniera diversa. Sulla stessa azione abbiamo preso fallo, espulsione e gol, un colpo da ko. E’ andata così oramai a Firenze. Stasera abbiamo fatto il nostro dovere, senza un gioco eccelso, ma con i tre punti. Il Presidente è sempre molto vicino alla squadra per aiutarla e vive tutte le situazioni con grande passione. Mercato? Vediamo cosa succederà nei prossimi due giorni”

MISTER MIHAJLOVIC
“L’unica cosa da salvare è il risultato e nient’altro. Dopo aver preso gol è stato il buio totale, ho visto i giocatori troppo tesi e spaventati. Durante la settimana abbiamo provato a lavorare in verticale ma tutto quello che abbiamo provato è mancato. E’ mancato il coraggio e la personalità ai miei giocatori. Questa partita l’anno scorso si perdeva, ma quest’anno l’abbiamo vinta perché abbiamo due attaccanti che si sono creati il gol da soli. Io mi prendo tutte le responsabilità perché sono io quello che deve mandare in campo i giocatori senza paura di subire il gol. Pensavo di essere a buon punto nel pre-campionato e ora rivaluto il tutto. Abbiamo vinto ma io sento di aver perso. Dobbiamo sfruttare i due attaccanti che abbiamo, cercando di fare arrivare i palloni. Diego Lopez ha fatto più tocchi di un centrocampista e ciò non va bene. Non è detto che quando si vince si è contenti, non sono felice di questa prestazione. Anche i ragazzi erano abbattuti nello spogliatoio perché sono consapevoli di aver vinto solo perché hanno fatto gol gli attaccanti. Un derby è sempre una partita particolare, vincerà chi sbaglierà di meno, chi oserà di più e chi crederà più in se stesso.”

LUCA ANTONELLI
“L’unica cosa da salvare sono i tre punti , dopo il gol del pareggio dell’Empoli ci siamo un po’ bloccati, ma sono tre punti fondamentali che ci danno lo slancio per affrontare tra due settimane una partita importante come il derby.
Stiamo lavorando tantissimo per sistemare tutto, l’Empoli è molto organizzata ma i tre punti sono fondamentali. Siamo 26 giocatori che possiamo giocare tutti, noi dobbiamo allenarci bene poi le scelte le farà il mister. Questi tre punti sono fondamentali dopo la sconfitta contro la Fiorentina. Bacca e Luiz Adriano sono due grandi campioni, siamo contenti di averli con noi ma abbiamo anche tanti campioni in panchina come Cerci, Balotelli.”

JURAJ KUCKA
“Emozioni bellissime giocare qui a San Siro, sono molto contento di essere qui. Sono arrivato ieri, ancora non conosco tutti i giocatori, ci vuole ancora un po’ di tempo per adattarsi e speriamo di migliorare. Voglio dare sempre il massimo, siamo una grande squadra. L’Empoli ha giocato molto bene, noi dobbiamo giocare più veloci. Il derby è sempre una partita diversa dalle altre, ne ho giocati tanti nella mia carriera. Il derby è sempre una partita nervosa e non si sa mai.”

MISTER MIHAJLOVIC (CONFERENZA STAMPA)
“La sola cosa da salvare è solo il risultato. Fino a quando non abbiamo preso il gol abbiamo fatto abbastanza bene, poi il buoi. Ho visto giocatori con paura addosso. Non abbiamo fatto nulla di quello che avevamo preparato, e dire che ci siamo allenati bene. Diego Lopez ha toccato più palloni di un centrocampista. Non va bene, ma mi assumo le responsabilità. Forse non sono stato chiaro. Dobbiamo trovare l’autostima e il coraggio. Dobbiamo giocare in avanti. Abbiamo vinto oggi grazie ai due attaccanti. Loro oggi hanno fatto due reti, senza avere mai occasioni. Non va bene questo. Dobbiamo guardarci dentro e fare le cose meglio. Così non possiamo andare avanti. Cambiare tanto serve tempo, ma io tempo non ne ho. Pensavo di essere a buon punto in precampionato, ma dobbiamo lavorare di più. Devo inculcare io la mentalità ai giocatori, per il momento mi assumo la responsabilità.
Come detto, certe partite a livello di gioco le abbiamo fatto bene. Lavoriamo da più tempo e dovrebbere andare meglio ed invece stiamo andando al contrario. Credo sia un problema psicologico. Abbiamo fatto solo passaggi laterali, senza rischiare. Da fuori sembra mancanza di coraggio, ma come detto questo è un problema di testa. Io come tecnico ho l’obbligo di cambiare tutto questo. Ci vuole un po’ di tempo, ma so bene che non ne ho a disposizione.
Io guardo gli allenamenti, e per quello che vedevo sia Suso e Nocerino avevano fatto bene. Bonaventura aveva un problemino al ginocchio e nelle ultime partite non le aveva a livello suo. Quando è entrato ha fatto bene. Evidentemente gli ha fatto bene, perchè nessuno deve sentirsi titolare in maniera scontata.
Io non chiedo la luna, bensì le cose normali. Ognuno trasmette i suoi concetti. Sono giocatori di Serie A e devono fare le cose che chiedo. Non è un problema che non possono fare queste cose. Le hanno fatte a momenti, ma le devono fare sempre.
Di mercato non parlo, non ho nulla da dire. Noi sappiamo i giocatori che abbbiamo a disposizione e possono fare tutto quello che chiedo. Il problema principale per adesso è psicologico. Ho visto troppa paura, troppa tensione. A caldo non mi piace parlare, da fuori la mia impressione era la mancanza di fiducia in se stessi. Siccome parte tutto dalla testa e sapevo che non era facile cambiare tutto, sono convinto che ci riuscirò a fare questo.
Ogni giocatore è diverso e bisogno trovare soluzioni giuste per stimolarli. E’ questo il vero lavoro dell’allenatore. La cosa principale è psicologico. So che devo lavorare su questo, ma mi rendo conto che non è facile cambiare. So che qui non c’è molto tempo. Devo sbrigarmi per far avvennire tutto questo.
Il derby è una gara particolare. Abbiamo la sosta dei nazionali e poi avremo pochi giorni per prepararla. Il derby lo si vince con il coraggio. Dobbiamo vincerlo e se ci riuscissimo sarebbe una bella iniezione di fiducia. Sono certo che tra due settimane la squadra sarà anche diversa. Balotelli giocherà quando se lo meriterà e quando farà tutto quello che gli chiediamo con continuità. Dipende da lui dove può giocare. In una gara dove bisogna recuperare il risultato, si può mettere anche lui dietro le punte, ma non è il suo ruolo.
Honda e Suso hanno fatto le stesse partite. Oggi ho scelto Suso per il lavoro settimanale ed aveva fatto differenza. Ha tecnica e passaggio filtrante ed ho deciso per lo spagnolo. Un tecnico cerca sempre di fare il bene della squadra. Se giocano sempre gli stessi non sarebbe giusto”

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5930 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.