10 dicembre 2016

Strazio capitale: dobbiamo ritornare ad essere lo stato!

Tra l’inchiesta Mafia Capitale e il funerale di Vittorio Casamonica per Roma non è proprio un bel periodo. La città eterna, culla della civiltà e del cattolicesimo, è stata ed è umiliata da uomini che di civile e cattolico non hanno nulla. Da un lato c’è una classe dirigente politica devota al malaffare, dall’altro ci sono delinquenti fedeli del dio denaro. Due facce della stessa medaglia, un intreccio raccapricciante divenuto, purtroppo, simbolo non solo di una città ma di un’intera nazione.

Le ultime cronache romane narrano, a mio parere, il declino in Italia di ciò che è giusto, del diritto e dell’onestà. Con il degrado di queste qualità, lo stato diventa sempre meno libero e più sordo alle esigenze di chi vive e vuol vivere dignitosamente con il frutto del proprio lavoro onesto. La nostra sta diventando la patria dei furbi, dove un ladro viene osannato sia nelle aule istituzionali sia di fronte una parrocchia. Una patria dove chi vive ottemperando ai doveri propri di uno stato civile è messo alla berlina come fesso. Soprattutto una patria dove la cultura che conta non è quella che si apprende sui libri, in famiglia, nei luoghi di aggregazione e culto, nei musei, nei teatri, nei cinema; l’unica cultura che conta è quella mafiosa, dove i più forti saranno sempre impuniti.

Non puoi pagare una tassa perché la tua attività non va bene e non hai liquidità? Ti bloccano il conto corrente. Dichiari 4.000 euro lordi di reddito? Puoi circolare liberamente per le strade alla guida di una Lamborghini. Sei laureato (magari al termine di un percorso dove hai svolto tanti mestieri a nero per pagarti gli studi perché i tuoi genitori vivono onestamente) ma non conosci nessun potente al quale chiedere l’elemosina di un lavoro part time di quattordici ore al giorno, per l’astronomica cifra di 500 euro mensili? Nell’attesa che muori di fame, devi subire l’umiliazione di essere scavalcato da due braccia sottratte alle manette solo perché amiche degli amici. Non dimentichiamo che questo è un paese dove si muore sul lavoro per guadagnare 27 auro al giorno.

Sin da piccoli ci dicono che chi sbaglia paga; giustissimo. Solo che questo principio non vale per quei politici che rubano il denaro pubblico lucrando sui nostri diritti. A non pagare sono anche coloro che impongono il pizzo, che vendono la morte sotto forma di polvere bianca, che costringono una ragazzina a prostituirsi, che sottraggono ad una donna anziana l’unica entrata del mese, che impongono al direttore di una banca di non prestare denaro, per poi concedere essi stessi finanziamenti a tassi che portano al suicidio e alla cessione a loro dell’attività, che non pagano le tasse ma vivono nel lusso.

Quando leggo questi fatti di cronaca non nascondo che oltre al disgusto provo un senso di rabbia e frustrazione. Il rubare e il vivere, come si dice dalle mie parti, sul sangue della gente, mi disgustano. Mi arrabbio perché mi chiedo dove erano lo stato, le istituzioni e le forze dell’ordine? Mi fa salire il nervoso, poi, il continuo scarica barile da parte dei complici e autori degli scempi. Non nascondo che è frustrante constatare che in questa società il fare sacrifici per studiare (avete visto quanto costa studiare all’università? Ci vogliono ignoranti così possono meglio manipolarci), il farsi un mazzo pur di vivere onestamente, fare il proprio dovere di cittadino (nonostante l’asfissiante tassazione) non solo non premia ma è roba da allocchi.

Uno scoramento che, però, dura poco. Penso ai valori che mi hanno trasmesso i miei genitori, a quanto è stato bello raggiungere i traguardi prefissati contando solo sulle mie forze. Penso alle tante persone più brave e preparate di me che si muovono proprio sulla strada che ho scelto di percorrere. Penso che come ha scritto qualcuno il Casamonica avrà anche conquistato Roma, ma ora marcisce all’inferno. Scatta in me il rigetto a questo schifo, la voglia di sconfiggere questo male. Mentre lo faccio mi accorgo di non essere solo. Ecco, non siamo soli; siamo in tanti.
Dobbiamo ritornare ad essere noi lo stato!

Alfredo Di Costanzo
About Alfredo Di Costanzo 5989 Articoli
Motus vivendi è il suo motto. Ama tutte le declinazioni delle due ruote ed adora vivere nell'universo dei motori. Da quindici anni ha la fortuna di essere giornalista sportivo, occupandosi di tutto ciò che circonda un motore. E' per il dialogo ed il confronto tra chi, pur avendo la stessa passione, ha idee diverse.