8 dicembre 2016

Corredo scolastico: dopo ferragosto è tempo di zaini con le faccine

Un po’ come accade in inverno con la festa dell’Epifania, quando la Befana tutte le feste spazza via, alla stessa maniera la festività di Ferragosto segna, almeno per gli studenti, la fine delle vacanze estive.

Passato Ferragosto anche il tempo inizia un poco a guastarsi, facendosi a tratti soleggiato, a tratti cupo, quasi a voler rispecchiare l’animo degli studenti e delle loro famiglie.
Superato Ferragosto, infatti, torna l’ansia per il rientro a scuola, per i compiti da finire, e gli acquisti da fare. I titolari di cartolibrerie si affrettano a tornare dalle ferie e gli scaffali dei supermercati si svuotano di costumi, piscine e gommoni gonfiabili e salvagenti, per riempirsi di tutto l’occorrente scolastico. E, mentre per gli studenti le uniche preoccupazioni sono i ripassi da fare e la caccia alle ultime novità del corredo scolastico come gli zaini con faccine, gli astucci all’ultima moda, quaderni e quadernoni senza dimenticare il diario, le famiglie si lasciano incupire dal rincaro dei prezzi sugli accessori scolastici.

La notizia giunge certa da indagini del Codacons, secondo cui, quest’anno il rientro a scuola costerà circa l’ 1,7% in più rispetto allo scorso anno.
Insomma una vera stangata a cui non é assolutamente possibile sottrarsi se si vuole garantire l’istruzione ai propri figli.
Per i soli quaderni, zaini, astucci, diari, grembiuli e tutto il corredo richiesto dalla scuola, secondo il Codacons quest’anno si arriverà a spendere oltre i 500€ a ragazzo, senza contare la spesa per i libri di testo. Spesa, questa, non indifferente se si pensa che si aggira intorno ad un importo di circa 600€, e talvolta pure maggiore per le scuole medie superiori.

Secondo alcune stime, allora, una famiglia media dovrà mettere in conto di spendere circa 1100€ a ragazzo, comprensiva del corredo scolastico e libri di testo.
Va però fatto notare che questo importo si riferisce al corredo base ed indispensabile per il rientro sui banchi di scuola ma, é chiaro che potrebbe ulteriormente aumentare se i ragazzi dovessero scegliere zaini, diari e corredi di ultima tendenza.
In queste ultime settimane, infatti, mentre supermercati e cartolibrerie offrono una vasta scelta tra prodotti griffatissimi e quelli Low cost, i volantini pubblicitari e la Tv tentano di dirottare i giovani sulla scelta di zaini e diari dei marchi più famosi o dei personaggi dei cartoni animati e della boy band del momento. Tutta merce, purtroppo, più costosa.

Nonostante queste stime che rivelano cifre da far paura, secondo il Codacons è possibile risparmiare sulle spese scolastiche.
Recenti, solo di qualche giorno fa, sono i consigli diffusi in rete dal Codacons che aiuterebbero le famiglie ad affrontare il rientro a scuola in maniera più serena, riducendo i costi di oltre il 40%.
Innanzitutto è necessario non lasciarsi influenzare dalle pubblicità televisive. Occorre non cedere al conformismo, seguendo la massa ed acquistando oggetti griffatissimi solo perché la maggior parte dei compagni ha scelto di acquistare quel modello di zaino o il diario di un marchio specifico.
In questi giorni potrebbe essere utile, a questo scopo, allontanare i bambini dalla televisione.
Scelta intelligente, e sicuramente più economica, potrebbe essere quella di acquistare diari, zaini, astucci e grembiuli low cost, che vi consentiranno di risparmiare senza rinunciare alla qualità dei prodotti.
Potrebbe essere utile anche stilare una lista dell’ occorrente scolastico necessario ed imporsi di osservarla rigorosamente.
Si può risparmiare anche scegliendo di acquistare negli ipermercati, dove spesso viene effettuato un maggiore sconto rispetto alle cartolibrerie. Se si sceglie questa soluzione, però, è indispensabile saper acquistare solo i prodotti davvero convenienti e magari in promozione, tralasciando il resto che talvolta ha un prezzo maggiorato. Di questi tempi, infatti, molti ipermercati sfruttano la politica dei prodotti ” civetta “, cioè quelli in promozione, per attirare gente che andrà ad acquistare anche gli oggetti meno economici.
Ottimo, inoltre, fare queste spese con largo anticipo: si avrà maggiore tempo per la caccia alle promozioni, ai kit a prezzo fisso, sicuramente più convenienti, ed agli ipermercati più vantaggiosi.
Intelligente anche la scelta di rinviare le spese superflue: in questo periodo, infatti, occorrerebbe solo acquistare il necessario e posticipare l’ acquisto delle scorte di quadernoni, album e cancelleria, ad ottobre/ novembre, quando si registrerà un forte ribasso dei prezzi.
Quanto all’ acquisto di dizionari, compassi, goniometri, squadre, atlanti, e tutto l’occorrente più tecnico, è bene attendere l’inizio della scuola e le disposizioni dei professori. Questo vi eviterà di compiere acquisti inutili, se non addirittura inadeguati.

Monica F.